21 Gennaio Gen 2016 1817 21 gennaio 2016

Eterologa, gravidanza con ovulo congelato da 10 anni

Storico traguardo al Sant'Orsola di Bologna: finora un successo simile era stato ottenuto solo per la fecondazione omologa. È la dimostrazione che tra ovociti freschi o conservati in azoto liquido non c'è differenza.

  • ...
fecondazione-600x450

Era rimasto congelato per 10 anni. Ma, pur dopo così tanto tempo, un ovulo ha potuto dare origine a una gravidanza eterologa. Lo storico traguardo è stato raggiunto dal Policlinico Sant'Orsola di Bologna ed è, probabilmente, la prima volta in tutto il mondo che si verifica un caso del genere.

SI AMPLIANO LE POSSIBILITÀ DI DONAZIONE
A chiarire l'importanza dell'avvenimento ci pensa Eleonora Porcu, direttrice del centro di procreazione assistita. Finora, ovociti congelati da 10 anni avevano già portato a delle gravidanze, ma solo «per fecondazioni omologhe». Il successo dell'eterologa, invece, in questo caso sottolinea l'efficacia delle tecniche di congelamento dell'ovocita adottate e, ovviamente, la possibilità di utilizzarlo per le fecondazioni eterologhe. Aumentano così enormemente le possibilità di donazione, così come il tasso di compatibilità tra donatori e riceventi. Il prossimo obiettivo, adesso, è aumentare il numero delle donatrici, frenate spesso dalla necessità di doversi sottoporre a terapie ormonali e prelievo operatorio.

CONGELAMENTO ASSOLUTO
Laura Rienzi, presidente della Società italiana di embriologia, riproduzione e ricerca (Sierr), da parte sua conferma che tra un ovocita fresco e uno congelato non c'è alcuna differenza. La tecnica è sicura, e le cellule non si deteriorano nel processo. L'azoto liquido assicura una temperatura di -196° C, una temperatura prossima allo zero assoluto: «In queste condizioni sono escluse reazioni chimiche degenerative e, dunque, le potenzialità di ovociti, embrioni e spermatozoi sono conservate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso