10 Novembre Nov 2015 1752 10 novembre 2015

Voglio andare a vivere in Norvegia

Il Paese scandinavo è il più felice del mondo secondo una ricerca londinese che misura l'Indice globale di prosperità. Seguono Svizzera e Danimarca. L'Italia si colloca soltanto al 37esimo posto.

  • ...
lofoten-986912_1920

Siete tristi? Scappate in Norvegia. Questo è ciò che emerge da una ricerca pubblicata dal Legatum Institute, think tank  londinese che ogni anno elabora un Indice di prosperità globale, in altre parole una graduatoria delle Nazioni dove si vive meglio. Il primo posto è occupato per il settimo anno consecutivo dalla Norvegia, il paese più felice, ricco e in salute. Per trovare l'Italia invece bisogna scendere addirittura fino al 37esimo posto.

TRA GLI INDICATORI ANCHE I SERVER SICURI
L'inchiesta ha analizzato le 142 Nazioni con la maggior disponibilità di dati a disposizione, coprendo il 96% della popolazione mondiale e il 99% del PIL mondiale. L'esame è stato condotto in base a 89 variabili diverse: si va da indicatori tradizionali come il Prodotto interno lordo pro capite o il numero di persone che lavorano a tempo pieno, a indici come la quantità di server sicuri, il benessere degli anziani o il riposo quotidiano delle persone. Le variabili sono state suddivise a loro volta  in otto macrocategorie: Economia, Imprenditorialità e opportunità, Autorità, Educazione, Salute, Sicurezza e difesa, Libertà personale, Capitale sociale.

AI PRIMI POSTI I PAESI DEL NORD EUROPA
Dopo la Norvegia, il paese in cui si vive meglio è la Svizzera, anche grazie all'economia trainante. Sul terzo gradino del podio troviamo la Danimarca con ottimi punteggi per quanto riguarda l'istruzione, il capitale sociale e il comparto amministrativo e governativo. Seguono la Nuova Zelanda, prima tra le nazioni non europee, la Svezia e il Canada, al primo posto nel garantire la libertà ai cittadini. L'Australia si colloca al settimo posto per il terzo anno consecutivo, ma è prima per quanto riguarda il sistema educativo.  Subito dopo troviamo l'Olanda e la Finlandia. Quest'ultima, pur ottenendo un punteggio basso in ricchezza, ha un buon apparato amministrativo. Al decimo posto si colloca l'Irlanda, migliorata soprattuto nel settore sicurezza.

GLI USA FUORI DAI PRIMI DIECI
Non bene invece gli Stati Uniti. La prima potenza economica mondiale è per la prima volta fuori dalla top 10,  soprattutto per la labile percezione di sicurezza da parte dei cittadini. 12esimo e 13esimo posto rispettivamente per Islanda e Lussemburgo. Un gradino più sotto la Germania, nonostante sia la quinta economia del mondo. Segue la Gran Bretagna, che esce dalla top 20 nelle graduatorie riguardanti la  sicurezza e l'educazione. Subito dopo Austria, Singapore, con un ottimo primo posto nell'economia, e il Belgio. Solo 19esimo il Giappone con ottimi indici per la salute ma solo al 33esimo posto per quanto riguarda la libertà personale. Chiude la top 20 Hong Kong.

L'ITALIA SOTTO AL KUWAIT
L'Italia invece incassa il deludente 37esimo posto, tra Kuwait e Israele. È 22esima nel campo della sanità ma si piazza soltanto alla 48esima posizione per quanto riguarda la libertà individuale. In fondo alla classifica troviamo paesi devastati dalla guerra dove la violenza è all'ordine del giorno, la libertà d'espressione e l'educazione sono inesistenti come l'Afghanistan e la Siria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso