22 Settembre Set 2015 1743 22 settembre 2015

Guarda che luna

Dopo quattro anni, la notte tra il 27 e il 28 settembre torna l'eclissi lunare. Il satellite si tingerà di rosso per circa 72 minuti. Il prossimo fenomeno visibile è atteso per il 2033.

  • ...
luna rossa

Manca ormai meno di una settimana all'atteso appuntamento astronomico previsto per il 28 settembre, giorno dell'eclissi lunare totale. Per l'occasione il satellite terrestre si «nasconderà» dietro alla Terra tingendosi di rosso per circa 72 minuti. In inglese il fenomeno è denominato si chiama «bloody moon» (luna di sangue).
Nella notte tra domenica 27 e lunedì 28,l'eclissi sarà visibile dalle 2 e 11 minuti del 28 settembre, ma il momento di totale oscuramento sarà dalle 4 e 11 alle 5 e 23. Il termine è previsto per le 7 e 22 del mattino.
Perché la luna sembrerà rossa? Non perché cambia effettivamente colore, ma a causa del filtro fatto dall’atmosfera terrestre che ce la fa apparire rossastra. La luce del sole non arriva direttamente sulla superficie della luna, ma passa attraverso l’atmosfera terrestre. La luce solare si scompone come passasse per un prisma e resta solo quella rossa.

LA PROSSIMA NEL 2033
Solo cinque volte dal secolo scorso si è avuta una superluna rossa. Secondo gli archivi della Nasa nel 1910, nel 1928, nel 1946, nel 1964 e nel 1982. Il prossimo fenomeno visibile è atteso per il 2033.
L’ultima eclisse totale di Luna osservabile dall’Italia risale a più di quattro anni fa: era il 15 giugno 2011. Il lungo digiuno potrebbe quindi essere un buon motivo per rinunciare a qualche ora di sonno. L’eclissi sarà trasmessa in diretta dall’osservatorio di Tenerife e dal Virtual Telescope.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso