12 Agosto Ago 2015 1642 12 agosto 2015

«Aiuto ho il cancro», ma è una truffa

Brandi Lee Weaver-Gates, vincitrice del concorso Miss Pennsylvania 2015, ha raggirato l'America fingendo per due anni di essere malata. La giovane chiedeva soldi per sostenere le cure mediche.

  • ...
centre-theft-brandi-weaver-gates-charged

Per oltre due anni ha finto di avere il cancro e con questa scusa ha raggirato ignari benefattori intascando migliaia di dollari che sarebbero dovuti servire per curare la sua malattia. Brandi Lee Weaver-Gates, 23enne vincitrice del concorso Miss Pennsylvania US International 2015, è stata arrestata con l'accusa di truffa.

LA MALATA IMMAGINARIA
Secondo quanto riporta la Cnn, la giovane ha fatto credere all'America che nel marzo del 2013 le era stata diagnosticata una leucemia linfocitica cronica. Da quel momento in poi la Weaver-Gates ha indossato i panni della malata di cancro bisognosa di aiuti economici. La 23enne aveva a lungo ingannato anche i parenti. La scaltra Brandi veniva accompagnata periodicamente al Johns Hopkins Medicine di Baltimora, scomparendo per ore nei corridoi dell'ospedale e ritornando stravolta e provata da immaginari cicli di chemioterapia.

RACCOLTA FONDI
La giovane aveva escogitato tutto nei minimi dettagli. Anche la creazione di raccolte fondi a suo nome e la partecipazione a campagne di sensibilizzazione sul tema del cancro giovanile. Solo nell'aprile 2015, lo stratagemma è fruttato a Brandi circa 14 mila dollari.

LA DENUNCIA
Ma anche le truffe meglio escogitate, prima o poi, vengono scoperte. A fermare l'avida ragazza è stata una lettera anonima recapitata alla polizia. «Ricevuta la soffiata, abbiamo aperto un'inchiesta che ha rivelato come Brandi Lee Weaver-Gates stesse raggirando centinaia di persone. Dopo essere stata fermata la ragazza non ha confessato e ha chiesto la presenza di un avvocato», hanno dichiarato le forze dell'ordine locali. Intanto, la direzione del concorso le ha ritirato il titolo di Miss Pennsylvania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso