21 Luglio Lug 2015 1011 21 luglio 2015

Piccoli inglesi crescono... grassi

Una ricerca ha stabilito come il 40% dei bambini britannici abbia problemi di sovrappeso senza rendersene conto. A settembre previsti i primi interventi sulle diete scolastiche.

  • ...
Weight, Woman

Aumento delle ore di attività fisica nel curriculum scolastico, ispezioni nei lunch box dei giovani studenti per sequestrare quei cibi pieni di grassi e zuccheri,  la creazione di una dieta mirata da presentare nelle mense delle scuole. Sono solo alcuni dei progetti che l'Inghilterra ha intenzione di promuovere nelle scuole a partire da settembre. Un vero e proprio piano anti-obesità dopo che in Gran Bretagna sono stati divulgati i risultati scioccanti di una ricerca condotta tra gli allievi di età compresa tra i 13 e i 15 anni.

I RISULTATI
Secondo l'indagine condotta dall'Associazione sulla ricerca sul cancro britannica su un campione di 5mila bambini frequentanti la scuola secondaria di I grado inglese, quasi il 40% dei teenagers in sovrappeso è convinto di essere assolutamente normale. Un dato che sancisce come un bambino su due, in Gran Bretagna, abbia problemi di alimentazione. Una mancata percezione dei giovani inglesi sulle loro reali condizioni fisiche che fa preoccupare i medici. Il 7% dei maschi, infatti, è convinto di essere grasso quando non lo è (la percentuale sale all'11% per le femmine), mentre il 39% pensa di avere un giusto pesoforma quando invece non è così.

I RISCHI
Il mancato intervento sull'alimentazione dei soggetti con un disturbo alimentari, può portare, a lungo termine, all'insorgere di problemi quali anoressia, bulimia, oltre che a problemi cardiovascolari e respiratori, soprattutto per i bambini sovrappeso.

L'APPELLO
I ricercatori hanno voluto lanciare un appello alle famiglie e alle scuole, considerate le massime istituzioni a tutele della salute dei bambini. Come prima azione, l'Associazione sulla ricerca sul cancro britannica ha suggerito di eliminare dalle mense scolastiche bibite zuccherate e bevande alla frutta troppo caloriche. Queste sono così dannose per la diffusione di obesità e diabete da aver spinto i medici a richiedere al governo che vengano vendute con una sovrattassa. Il compito di controllo principale resta alle famiglie, chiamate a proporre ai figli una dieta sana ed equilibrata con un utilizzo maggiore di verdure e l'eliminazione di cibi precotti o fritti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso