3 Luglio Lug 2015 1734 03 luglio 2015

Depressa, le concedono l'eutanasia

Succede in Belgio, dove una ragazza 24enne ha chiesto a un gruppo di medici di porre fine alla sua vita.

  • ...
ThinkstockPhotos-177428066

Morire di depressione. Per scelta. È la storia di Laura, una ragazza belga di 24 anni a cui è stata concessa l'eutanasia perché gravemente depressa. In una intervista rilasciata al giornale DeMorgen rivela i motivi della sua scelta, raccontando il tragico passato che l'ha condotta a compiere questo passo definitivo.

UN MALE PROFONDO
La data definitiva della morte non è stata ancora fissata, ma è prevista per questa estate. Per Laura, sarà un momento di liberazione da una vita che non è mai riuscita a vivere in maniera serena. Ma attenzione: Laura è sicura che, anche se la sua infanzia è stata segnata da un padre violento e alcolista, la vera causa del suo malessere è incurabile ed è dentro di lei.

UN'INFANZIA DIFFICILE
Allevata dai nonni, Laura ha rischiato di morire già all'età di sei anni, quando si ritrovò a maneggiare una pistola. Un momento che rimpiange: «Se avessi saputo che cosa avrei dovuto affrontare negli anni a venire, avrei premuto il grilletto». I nonni cercarono di garantirle un'infanzia tranquilla e felice, ma non fu abbastanza. Col passare degli anni, Laura sviluppò tendenze autolesioniste e manie suicide. Negli anni successivi provò a farsi curare in delle cliniche specializzate ma, nonostante un breve idillio amoroso, la sua condizione continuò a peggiorare. Fino all'incontro con una ragazza che le raccontò della propria imminente eutanasia.

LA DECISIONE
Laura capisce che quella è la strada che deve seguire, così contatta un gruppo di medici che le danno un parere positivo e acconsentono a praticarle l'eutanasia, perché la sofferenza psicologica è reale e, soprattutto, Laura è una persona equilibrata che, nonostante i suoi problemi, è in grado di prendere decisioni sensate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso