30 Giugno Giu 2015 1712 30 giugno 2015

Cina, 7 anni di carcere agli studenti che copiano

Al momento è solo una proposta di legge, ma da tempo il governo si dimostra inflessibile con chi bara a scuola. All'ultimo esame di stato i più furbi avrebbero pagato per farsi sostituire da 'colleghi' più preparati.

  • ...
esami-di-stato-in-cina-604561

Copiare a scuola val bene il carcere. Almeno in Cina, dove il governo sta lavorando a una nuova legge per punire gli studenti che copiano dal vicino o sbirciano sul libro durante gli esami per accedere all’università. La proposta è arrivata dopo l’ultimo Gaokao, ovvero l’esame di Stato che tutti gli studenti sono tenuti a sostenere per accedere agli studi universitari. Ci sarebbero stati casi di studenti che si sono addirittura fatti sostituire, pagando un compenso, da chi aveva già sostenuto l’esame o da chi si era preparato meglio. Nella provincia dell’Henan sono stati denunciati 165 casi simili: in 127  gli studenti avevano pagato per far sostenere l'esame al loro posto da qualcun altro. Al momento l'unici provvedimento attivo è stato l' introduzione della «fedina scolastica» che, come quella penale, si macchia quando i ragazzi, durante le prove, vengono sorpresi in flagrante a copiare. Se dovesse andare in porto così com'è, la legge punirebbe con una condanna fino a 7 anni non solo gli studenti che barano durante l’esame, ma anche chi li aiuta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso