13 Marzo Mar 2018 1229 13 marzo 2018

Da Paola Saluzzi a Elisabetta Canalis: le vittime famose di stalking

Quello dell'ex giornalista di Sky è solo l'ultimo caso. Come lei, lo hanno subito anche tante altre donne della politica e dello spettacolo.

  • ...
Paola Saluzzi Stalking

Secondo un'indagine Eurispes diffusa in occasione dell'8 marzo, otto donne su dieci pensano che siano in aumento violenze e stalking.
Lo stalker in un caso su tre è l'ex partner, nel 17% un conoscente e il 14,3% delle volte un collega. Il 4,3% delle donne indica, invece, come 'persecutore' il proprio attuale marito, compagno o fidanzato. Sette volte su dieci l'atteggiamento vessatorio ha la forma di un messaggio o di telefonate ripetute, nel 58,5% dei casi si esplica attraverso insulti, il 48,6% delle intervistate parla di diffusione di affermazioni diffamatorie e oltraggiose, quattro su dieci sono state costrette a subire appostamenti, pedinamenti e minacce.

PAOLA SALUZZI

L'ultimo caso noto alle cronache riguarda la giornalista Paola Saluzzi, che per settimane ha ricevuto messaggi anonimi e minacce attraverso il web. Un calvario che si è concluso il 12 marzo, come riporta Il Messaggero, senza nessun colpevole. La motivazione è che secondo il giudice non sarebbe stato possibile identificare con certezza il proprietario del pc. Come Saluzzi, tante altre donne della politica e dello spettacolo sono state vittime di stalking. Nei casi che vi raccontiamo, però, il persecutore è sempre uno sconosciuto.

LARA COMI

L'eurodeputata di Forza Italia Lara Comi ha raccontato pubblicamente il suo incubo: è stata vittima di uno stalker per mesi prima che le forze dell'ordine arrestassero, il 22 settembre 2017, l'uomo che l'ha perseguitata. Comi ha descritto a LetteraDonna quel periodo come denso di «paura e sofferenza» e che l'hanno spinta a invocare, una volta di più, un maggior impegno della magistratura sul tema. «L’arresto del mio stalker è stato possibile grazie al lavoro attento della polizia. La loro professionalità e la dedizione deve ora essere supportata da una applicazione delle norme ancora più efficace. A seguito di una denuncia di una donna occorre attivare, subito, approfondimenti e misure di tutela. Ho presentato nei mesi scorsi otto denunce», aveva detto.

IRENE PIVETTI

Anche Irene Pivetti, ex presidente della Camera, è stata perseguitata da diversi stalker con telefonate e lettere anonime. Dopo quell'esperienza dolorosa ha deciso di impegnarsi in prima persona contro la violenza sulle donne dando vita all’associazione No vuol dire no per raccogliere fondi da destinare alle organizzazioni che sostengono le vittime di stalking. «Avere un persecutore che ti scrive costantemente, ti invia pacchi a casa e si fa trovare ovunque tu sia è davvero inquietante. Si trattava di uno squilibrato e naturalmente questa disavventura mi ha causato non poche preoccupazioni. Tutta un’altra storia è l’angoscia di quelle donne che subiscono pesanti persecuzioni spesso ad opera di ex coniugi o fidanzati. Queste tragedie che lasciano alle spalle pezzi di vita meritavano un intervento legislativo incisivo», ha dichiarato in un'intervista a La Gazzetta di Parma.

ELISABETTA CANALIS

Aveva paura di uscire da sola, anche solo per per portare fuori i suoi cani, e chiedeva ai suoi amici di scortarla fino al portone. Anche la showgirl Elisabetta Canalis è stata vittima di un'esperienza simile, che nel 2014 ha raccontato al settimanale Gente: «Il cuore batteva forte. Saliva l’ansia, montava la rabbia. Tremavo, poi ho avuto un lampo di lucidità. Mi stavo preparando per una cena quando ho realizzato che un uomo che non conoscevo assolutamente, era dietro la mia porta. Da mesi qualcuno mi pedinava e lasciava messaggi senza senso nell’androne di casa. Avevo paura. ‘Sto chiamando la polizia!’, ho gridato. Ed è bastato perché lui si dileguasse».

JUSTINE MATTERA

«Non ci ho pensato su neanche un momento. Ho denunciato tutto e subito, non bisogna esitare», ha detto Justine Mattera dello stalker che la molestava e ricattava online. Il suo persecutore si era spacciato per l'attore hard Franco Trentalance per chattare con lei, poi aveva rivelato l’inganno e l’aveva ricattata: se non avesse continuato a intrattenere conversazioni virtuali con lui avrebbe diffuso le sue immagini e i contenuti delle chat. Ma la showgirl ha denunciato e ottenuto una condanna esemplare, che ha superato la richiesta di pena. Accusato di sostituzione di persona e violenza privata, è stato condannato a un anno e otto mesi di carcere e oltre a un risarcimento.

ALBA PARIETTI

Ad aprile 2017 anche Alba Parietti si è detta esasperata dalle insistenze telefoniche di presunti stalker. La donna ha raccontato la sua frustrazione in uno sfogo su Facebook: «Sono stufa di stalker che la passano liscia e vi comunico ufficialmente i numeri che denuncio e ho già denunciato per molestie e stalking da parte di sconosciuti», ha scritto prima di elencare i numeri interessati. «Uno di questi è un vero imbecille che mi telefona tutte le notti in condizioni a dir poco devastate, suppongo che sia molto stupido oltre che molesto, offensivo: insulta e offende». L'episodio era finito bene: i nomi dei persecutori sono stati rintracciati e la Parietti ha sporto denuncia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso