11 Settembre Set 2017 0700 11 settembre 2017

Le donne e il sesso: a ognuna il suo

A letto, e non solo, siamo tutte diverse. Chi più romantica, chi passionale, chi lascia il controllo al partner e chi detta le regole. E voi di che gruppo siete?

  • ...
Sesso

All’inizio di una relazione, si sa, è tutto meraviglioso. Gli ormoni dell’amore ballano felici nel cervello e l’uomo che abbiamo a fianco ci appare perfetto sotto tutti i punti di vista. Poi chissà com’è, i mesi passano e qualcosa s’inceppa. I primi segnali spesso arrivano dalla camera da letto, dove il sesso sì, è bello, però… Come spiega l’esperta del Daily Mail Tracey Cox, probabilmente il problema è in come si vive il rapporto sessuale. Perché anche se ci hanno sempre detto che gli opposti si attraggono, in realtà da questo punto di vista più la coppia si assomiglia, meglio funziona. Viceversa l’avere fantasie diverse è una delle principali cause di rottura. Come sempre, prima di dare giudizi su chi vi sta a fianco, meglio guardarsi onestamente allo specchio: capire in quale profilo ci riconosciamo, fra i dieci proposti dalla sessuologa inglese, è infatti il primo passo per trovare degli stratagemmi ‘da urlo’.

SENSUALE
Il sesso per voi è innanzitutto una manifestazione d’amore, quindi la complicità con l’altro è fondamentale. In questo caso il trucco è rallentare: chiedete al partner di prendervi tempo per toccarvi e accarezzarvi lentamente. E scegliete posizioni in cui potete guardarvi negli occhi fino al momento dell’orgasmo.

EROTICA
Tenerezza sì, ma ogni tanto occorre inframezzare con una sessione un po’ più strong. Siate sincere, le prestazioni devono essere intense e vigorose. In questo caso variare è la parola d’ordine: dove, come, quando, ma anche quanto a lungo. Vi ricordate il gioco in cui si scriveva una riga su un foglio e lo si passava a un altro? Fate lo stesso con le vostre fantasie: può aiutare a conoscervi di più e introdurre novità interessanti.

COMPULSIVA
A volte il sesso, più che un piacere, è un modo per scaricare lo stress accumulato durante la giornata. È un’attitudine soprattutto maschile e che spesso si collega a una masturbazione nervosa. In questo caso, rivolgersi a un terapista può aiutare moltissimo per trovare altri modi di gestire le emozioni negative, ad esempio attraverso un’attività sportiva. Nel frattempo stabilite delle regole chiare in ambito sessuale: se riuscirete a rispettarle ci guadagnerete entrambi.

REATTIVA
«Fammi godere», canta Vasco Rossi in Rewind, mentre osserva il piacere dipingersi sulla ragazza che ha di fronte. Per voi il principio è lo stesso: vi eccita vedere il vostro compagno eccitato. In questo caso la mossa perfetta può essere quella di concedersi a vicenda cinque minuti di fuoco: a chi si dedica interamente a procurare piacere all’altro spetta il turno successivo. Non sottovalutate nastri e manette. Proprio perché si basa si basa sull’alternanza di dare e ricevere, legarsi funziona.

ESATTRICE
Qualsiasi sia la vostra fantasia, vi sentite in diritto di realizzarla. Perché siete convinte che avere del sesso è un vostro diritto (o, a parti rovesciate, un dovere). In realtà, una visione del rapporto così egocentrica non solo non tiene conto delle necessità dell’altro, ma spesso nemmeno dei propri desideri. Per questo lavorare con un terapista è caldamente consigliato.

DIPENDENTE
Non riuscite a pensare ad altro: il sesso è così attraente che resistergli è davvero difficile, e le probabilità di un tradimento sono altissime. Il consiglio è di chiarire in anticipo cosa è concesso e cosa no. Per rimanere appagati convengono sessioni brevi ma più frequenti piuttosto che sporadiche maratone. La tecnica in questo caso è fondamentale e non deve essere sottovalutata nel pensare a una relazione: se il ragazzo con cui state uscendo è gentile, ma non vi soddisfa, è facile che torniate presto a guardarvi in giro. Se invece ad appartenere a questa tipologia è l’uomo della vostra vita, cercate di incanalare tanta energia prorompente in altre passioni (senza illudervi troppo).

STRESSATA
Altro che farlo sempre, la sola idea di una notte di sesso vi agita. Occorre farsi coraggio e aprire…la bocca. Parlare può aiutarvi a capire da dove venga la vostra (o la sua) ansia da prestazione e affrontarla con serenità. I complimenti non dovrebbero mancare mai, ma in questo caso meglio esagerare un po’ per ricostruire l’autostima scomparsa sotto le lenzuola. Se volete avventurarvi in qualcosa di insolito meglio avvisare e procedere per gradi.

DISINTERESSATA
Non è che non vi sentite adatte, è che il sesso, diciamocelo, non è poi questa gran cosa. Se è quello che pensate all’idea di una notte di fuoco, probabilmente avete vissuto delle situazioni dolorose che vi hanno inibito. Parlarne in questo caso è utile, ma occorre farlo con un esperto, magari seguendo un percorso molto graduale. Migliorare il proprio rapporto con il sesso non è impossibile, ma ci vuole pazienza.

DISTACCATA
Il sesso a voi, invece, piace; purtroppo però nella vita ci sono troppe cose a cui pensare. Il lavoro, le preoccupazioni, i problemi che tutti abbiamo, chi più chi meno, finiscono col prendere il sopravvento e allontanare dal partner. Il rapporto col compagno, in tutti i suoi aspetti, è invece una priorità per il proprio benessere, a cui dedicare tempo e attenzione. Per questo può essere utile stabilire degli appuntamenti in cui lasciarsi andare alla sensualità prima ancora che al sesso vero e proprio e pensare a delle varianti che mantengano alta l’attenzione. Costa uno sforzo, ma se vi lasciate ricadere nella routine anche gli altri pensieri torneranno ad avere la meglio su di voi.

ABITUDINARIA
Com’è bello far l’amore, ma solo se come dici tu. Il rapporto deve seguire uno specifico rituale per darvi piacere, ma questo significa che è solo uno dei due a dettare le regole del gioco. Se a voi o all’altro (a seconda di chi fra i due stabilisce la scaletta) la cosa non crea problemi, tutto bene; altrimenti rivolgetevi a un terapista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso