MULTITASKING MAN 7 Ottobre Ott 2012 1758 07 ottobre 2012

Più che un gigolò è un poliziotto hot

Detective che testa la fedeltà. Ma anche personal shopper e autista. Insomma, non offre solo sesso.

  • ...
uomo

E' sexy, ma non si lascia sfuggire niente. Il nuovo gigolò assomiglia sempre più a un detective.

unknown

Dimenticate Richard Gere. L’accompagnatore che tante donne ha fatto sognare, oggi ha piuttosto le sembianze di Sherlock Holmes. Il gigolò moderno è poliedrico per definizione e, munito di cravatta con microspia incorporata, diventa un detective privato per scovare scappatelle e tradimenti. Della moglie, certamente: la cui fedeltà viene messa alla prova. Mentre, se è il marito ad avere qualche distrazione, eccolo pronto a sfoderare il fisico palestrato e a mettere in campo tutte le armi della seduzione. Lo scopo è dimostrare al fedifrago che la sua amante è una poco di buono e convincerlo a tornare dalla moglie.
DA PERSONAL SHOPPER A FINTO FIDANZATO
Ma sono tanti i ruoli in cui si cimentano i gigolò: dal personal shopper all'autista privato, per rendere un viaggio particolarmente confortevole; dal finto fidanzato in situazioni pubbliche al coach life. Ovviamente, le prestazioni sessuali sono incluse. Anche se sono poche, in realtà, le donne che chiedono solo qualche ora di passione.
NON SOLO SESSO
Secondo uno studio realizzato dall’Istituto di sessuologia clinica di Roma solo il 26% delle donne che si rivolge a un gigolò lo fa perché è alla ricerca di sesso. La maggior parte (28%) chiede un finto fidanzato: il 20% per far ingelosire il partner e il 19% per carenze affettive. «Alle donne interessa il rapporto che si instaura con il gigolò», ha spiegato a LetteraDonna.it la dottoressa Adele Fabrizi, che ha curato la ricerca. Il sesso, dunque non è la priorità: «Se c’è anche quello ben venga, ma non è fondamentale. La maggior parte non è per nulla interessata all’aspetto sessuale, ma vuole solo un uomo da usare per altri fini. In un certo senso», ha proseguito ancora la dottoressa, «è un segno dell’evoluzione dei tempi: qualche anno fa, per far ingelosire il proprio uomo, una donna ricorreva a qualche telefonata finta o a spedirsi i fiori, oggi paga un gigolò».

L'accompagnatore professionista spesso viene chiamato come autista-seduttore.

Getty Images/Pixland

PAGATO PER FAR INGELOSIRE
Uno dei primi a cimentarsi nel mestiere di gigolò-investigatore è stato Roy, accompagnatore professionista: «Gli uomini vogliono capire se la propria compagna è fedele ma, molto spesso, è la moglie tradita o l’amante stessa a chiamarmi». Viene contattato anche per portarsi a letto “l’altra” nella speranza che lui la lasci: «Qualche giorno fa», ha raccontato, «ho sedotto una giovane cubana che stava per sposare un sessantenne. Ero stato fortemente incentivato: 1000 euro in più se riuscivo a portarla a letto». E lui ci è riuscito, anche grazie all'esperienza.
GLI ATTREZZI DEL MESTIERE
A differenza di quanto si può pensare, il detective-seduttore non è un mestiere improvvisato. Roy si avvale dei mezzi più sofisticati: oltre alla cravatta con microspia, usa un portachiavi per riprendere le scene di sesso da mostrare ai committenti. E per lo spionaggio, un paio di occhiali con retro vista: «Faccio acquisti a San Marino, in un negozio specializzato». E tra le sue altre fatiche, non manca quello dell’autista privato: una donna di Bologna lo chiama regolarmente per andare a Zurigo. Dormono in stanze comunicanti ma non hanno rapporti. Tempi moderni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso