4 Ottobre Ott 2017 1850 04 ottobre 2017

Acne: il profilo Instagram che racconta come combatterla

Kali Kushner, sul suo account @myfacestory, fotografa senza vergogna la sua lotta a brufoli e imperfezioni.

  • ...
Kali Kushner Acne

Apparecchio, occhiali bruttini, brufoli di troppo: piaghe adolescenziali con cui tutte abbiamo avuto a che fare. Le più sfortunate, magari, con più di una. Per altre, poi, le imperfezioni cutanee hanno rappresentato o rappresentano un vero e proprio problema: l'acne è una malattia, non solo una questione estetica. Non c'entra solo sentirsi più o meno carine, quindi, si tratta anche di evitare infezioni e cicatrici permanenti. Su Instagram, la 22enne americana Kali Kushner, ha creato un profilo per raccontare la sua lotta contro sebo e punti neri. @myfacestory ha raggiunto i 30mila follower, mentre Kali sta diventando un punto di riferimento per molte ragazze.

ADDIO MEDICINE, ATTENTA A COSA MANGI

Per un anno, Kali Kushner ha cercato di sconfiggere l'acne con l'Accutane, uno dei farmaci più potenti ed efficaci sul mercato. Poi, ha deciso di cambiare approccio, iniziando a considerare anche la sua alimentazione come una via possibile per limitare i brufoli. Ora si definisce una «holistic healer» e cerca di curare la sua pelle in modo naturale. Soprattutto, cerca di capire il proprio corpo: quali cibi possono provocare più infiammazioni, quali la fanno stare meglio.

I probably don't have to tell you this BUT experiencing psychological effects from acne is a REALLY real thing. Things like depression, anger, and anxiety can be linked to acne- regardless of the severity. Many times this gets swept under the rug but I'm here to tell you that is a completely NORMAL feeling & you're not alone! Many people will not understand and try to offer meaningless advice- not because they don't care but because they do not have the capacity to fully comprehend unless they have been through a similar situation. I want you to know that it is totally OK to feel like that from time to time! About two years ago (picture on the left) my acne was at its worst, I would constantly compare myself to others & think I wasn't good enough because of my skin. ( now looking back I'm like wow I was dumb?? I'm awesome idc -uhh okay bye felicias) Back then I wouldn't be caught dead without a full beat face on & now (picture on the right) I haven't worn any makeup in months. It wasn't until I started comparing myself to MYSELF that I began to notice a real change in my perspective & physical/mental wellbeing. I know it's hard but I want you to take a minute of today and think of one small thing you can do to better yourself (for YOU and no one else!) . Quit comparing yourself to others, quit the negative thinking, quit believing I'll be happier if I only had "____". Start believing in YOURSELF. YOU are enough. Perfect skin does NOT = perfect life, perfect life = perception & attitude. Be your own lighthouse 🌞

RACCONTARSI SENZA PAURA

Quando Kali ha aperto il suo profilo, nel 2015, aveva solo 20 anni, eppure l'acne era un problema con cui conviveva da tempo. Nei suoi post, e nelle fotografie, si mostra senza paura di eventuali giudizi. Spesso ricorda a chi la segue che nessuno dovrebbe sentirsi condizionato o limitato dalla propria pelle, cercando di guardare sempre il lato positivo. La sua filosofia di vita è «Good vibes only». Cerca di usare la propria esperienza per far star meglio le altre persone: «Emozioni come rabbia e ansia possono essere collegate all'acne, a prescindere dalla sua serietà. Molte volte si cerca di nasconderlo, ma io sono qui per dire che tutto questo è normale. Non siete soli!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso