6 Agosto Ago 2016 1010 06 agosto 2016

Un mare di benessere

Scenario classico delle vacanze, la spiaggia offre eccellenti materie prime per una ‘remise en forme’ in piena regola. Ecco come trasformarla in una spa a cielo aperto.

  • ...

Una vacanza al mare può anche essere solo all’insegna del divertimento? Non sarebbe saggio. Molto meglio, invece, cercare di sfruttare al massimo gli elementi che ci circondano e che ci permettono di ottenere benefici sia dal punto di vista estetico sia da quello salutistico. In spiaggia, per esempio, basta meno di un’ora al giorno per scaricare le tensioni, ritrovare nuova energia e conquistare una linea più armoniosa. Effetti che possono essere amplificati da cosmetici ad hoc (nella gallery, trovate una selezione dei prodotti più indicati).

FITNESS ALL’ARIA APERTA
Il microclima marino invita a muoversi di più: saturo di ioni e iodio, attiva il metabolismo e fa sentire meno la fatica. Le migliori alternative al nuoto arrivano dalla California, come il Power walking acquatico (camminare a lunghe falcate immerse fino alle ginocchia o al bacino) e il body board, versione semplificata del surf (sulla tavola, a pancia in giù, si procede spingendosi con braccia e gambe, alternate o contemporaneamente). Fuori dall’acqua, l’ideale è allenarsi sulla battigia, dove la sabbia è compatta e spira una brezza rinfrescante: ottimo il gym-walking, che alterna esercizi a corpo libero a brevi passeggiate.

OSSIGENO RIVITALIZZANTE
Passeggiare lungo la battigia inspirando ed espirando profondamente con ritmo regolare è un' ottima ‘terapia’ antiage. «L'aria di mare è particolarmente ricca di ossigeno, che svolge un ruolo di primaria importanza nel processo di rigenerazione delle cellule, anche di quelle cutanee», precisa Antonino Di Pietro, presidente dell' associazione di dermatologi estetici Isplad e direttore scientico dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano. «La sua azione, poi, viene notevolmente potenziata dai sali minerali, presenti grazie all'evaporazione dell'acqua marina». Le ore migliori sono le prime del mattino e quelle dopo il tramonto, quando l'ossigeno raggiunge la massima concentrazione.

EFFETTO LUCE
Secondo gli specialisti di fotobiologia cutanea, bastano 20 minuti di sole al giorno perché i raggi UV possano svolgere la loro azione benefica sulle ossa e sul sistema immunitario. Ma l’elioterapia ha effetti diversi secondo il momento della giornata: stimolante di mattina, quando nello spettro solare domina il blu, colore che aumenta la secrezione di serotonina, responsabile del buon umore; rilassante nel pomeriggio, quando prevale il rosso, nella gradazione adatta a favorire la sintesi di melatonina, ormone deputato a regolare i ritmi di veglia e sonno. Ma se l’obiettivo è un’abbronzatura doc, le ore da preferire sono quelle più fresche, quando i raggi cadono sul corpo obliqui, regalando un colore uniforme.

IL SUONO DEL MARE
Vicino alla riva, al tramonto, quando la spiaggia è poco affollata, possibilmente rilassate in una comoda sdraio: è la condizione ideale per ascoltare il rumore del mare. Viene chiamato «suono bianco» e racchiude tutte le frequenze. Sembra stordire, invece ha uno straordinario effetto rivitalizzante, che si amplifica sintonizzando il respiro sul ritmo regolare delle onde. Se poi si aggiunge la sollecitazione olfattiva di un profumo caldo e avvolgente, lo stato di grazia è completo E qui entrano in gioco le acque di benessere, ispirate all’aromacologia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso