26 Agosto Ago 2015 1000 26 agosto 2015

Un bel pianto (o una risata) ci salverà

Una ricerca pubblicata su Motivation and Emotion dimostra che commuoversi, o ridere a crepapelle, davanti a un film favorisce il rilascio di endorfine e alla lunga rende più felici.

  • ...
ThinkstockPhotos-482747979

Siete di quelli che si vantano della loro imperturbabilità davanti alla più strappalacrime delle pellicole? Una ricerca pubblicata su Motivation and Emotion e ripresa dal Daily Mail, dimostra che fate male. Chi si commuove di fronte allo schermo infatti, alla lunga sarebbe più felice rispetto a chi rimane insensibile.

LA VITA È BELLA COME TEST
La vita è bella e Hachico - il tuo migliore amico sono state le pellicole scelte per l'esperimento. Il 45% degli spettatori messi di fronte al capolavoro di Roberto Benigni son sono commossi, percentuale che è salita al 60% per il film che ha la fedeltà fra cane e padrone come linea portante e ha coinvolto soprattutto le donne. Interrogati a caldo dopo la visione sul loro stato d'animo, i volontari imperturbabili non hanno dimostrato alcun cambiamento d'umore mentre chi è stato toccato dalla visione ha dichiarato di sentirsi più triste.

SE CI SI PIANGE E SI RIDE SI È PIÚ FELICI
A 20 minuti dalla proiezione però, interrogati di nuovo sull'umore, la percentuale di persone che si era emozionata davanti alla pellicola dimostrava di essere più felice rispetto a quelli che non avevano versato una lacrima. La risposta del comportamento la dà la scienza. Come ha spiegato Asmir Gracanin della Tilburg University piangere può scatenare il rilascio dell'ormone del buonumore, tanto che dopo le lacrime si ha una diffusa sensazione di benessere. Anche una bella risata avrebbe lo stesso effetto: in particolare, secondo uno studio della Loma Linda University della California, mezz'ora di visione di una commedia al giorno, ma anche di un video buffo di pochi minuti, favorirebbe il rilascio delle endorfine che combattono lo stress e farebbe anche bene al cuore. L'autore della ricerca, il dottor Lee Berk, lo ha suggerito proprio 'come medicina': per stare meglio bisognerebbe inserire le risate nella nostra vita quotidiana proprio come quando facciamo esercizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso