20 Agosto Ago 2015 1501 20 agosto 2015

Quando i piedi parlano

Vuoi conoscere qualcuno? Parti dal basso. Secondo gli studi è proprio questa parte del corpo a rivelare il carattere di una persona. Togli le scarpe al tuo 'lui' e scopri a che tipologia appartiene.

  • ...
ThinkstockPhotos-484683598

Quanto tempo impieghi per conoscere qualcuno? A volte basta guardare i punti giusti. Come i piedi, per esempio. Letteradonna.it ha raccolto antichi e recenti studi e li ha combinati per una lettura (quasi!) completa della personalità. Ecco quali segreti svelano i piedi e come leggerli. Slanciato, armonioso, squadrato e rubusto, o sottile e delicato? Già gli antichi riconducevano già la forma del piede a origini diverse: romana, egizia, greco, celtica, germanica. Le moderne ricerche astro-fisiologiche hanno poi classificato, in base alla struttura plantare, quattro tipologie caratteriali.

IL PIEDE DI TERRA
È il classico 'piede tozzo', dalla forma squadrata e robusta. Chi lo possiede è concreto e determinato, pondera con precisione ogni cosa e persegue la propria strada. È caratteristico delle persone fidate, del partner che non tradisce, dell’amico che custodisce ogni segreto, del collega che non imbroglia. Piccoli difetti… Non amano il cambiamento, possono perdersi in troppi ragionamenti prima di decidere, sono abitudinari nell’eros e nella sessualità.

IL PIEDE D’ACQUA
Lungo e affusolato, è sottile e delicato. Allo stesso modo, chi lo posside è fragile ed emotivo. Sono riservati e gelosi della propria intimità. È il piede dei creativi (anche a letto), degli anticonformisti, delle persone generose e affettuose. Piccoli difetti… A volte sfuggono alla realtà. Sono lunatici, troppo idealisti, impulsivi. In amore sono insicuri e dipendenti: si appoggiano al partner alla ricerca di continue conferme.

IL PIEDE DI FUOCO
Slanciato, con il tallone più stretto rispetto al resto del piede e con una forma simile a quella di un triangolo. Ce l’hanno gli sportivi, le persone attive, gli amanti del cambiamento, gli entusiasti. In amore sono vivaci e passionali: con loro è difficile annoiarsi. Piccoli difetti… 'Prendono fuoco facilmente' e ogni piccolo litigio può diventare motivo di stress, per se stessi e gli altri. A volte parlano a sproposito e, se non ordinano idee e sentimenti, possono diventare dispersivi.

PIEDE D’ARIA
Proporzionato e armonioso, con una forma che ricorda quella di una clessidra. Caratteristico delle persone socievoli, estroverse, amanti della comunicazione, del dialogo, della dialettica. Viaggiatori nati, sulla terra e nella loro mente. Amano fare nuove scoperte, soprattutto intellettuali e sessuali. Piccoli difetti… Quando esagerano con la parola, sembrano imitazioni mal riuscite di Socrate: risultanto saccenti, presuntuosi e poco piacevoli per la loro schiettezza. Nella coppia sono superficiali, confusionari ed egocentrici. Colpa della loro indomabile eccentricità.

E LE DITA CHE COSA DICONO?
Anche la forma e il colore delle dita dei piedi possono darti qualche informazione. L’alluce lungo indica grande creatività, per esempio, mentre averlo corto è sinonimo di buone capacità organizzative. Un mignolo mobile e 'snodato' rivela invece un animo infantile e giocoso, mentre averlo rigido è garanzia di fedeltà. Anche la posizione che hanno le dita, se sono dritte o storte, è utile per dedurre con che spirito la persona 'affronta il cammino della vita': dita allineate indicano determinazione e successo, mentre dita storte preannunciano dispersione d’energia e d’attenzione.

UN VALORE SIMBOLICO
Freud è stato il primo a proporlo: il piede rievoca nella donna il pene. Tesi che è stata confermata dalle successive ricerche scientifiche, che hanno rilevato sulla pianta la presenza delle stesse ghiandole presenti nella zona genitale. Ci sono, poi, diversi modi di dire e auguri che ricorrono ai piedi. Non solo negativi, ma anche positivi: gli inglesi, per esempio, dicono «Break a leg!» come auspicio di buon successo. Insomma, nei nostri piedi c’è tutto un mondo da scoprire e da leggere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso