We Can Do It!

Diritti

30 Marzo Mar 2018 1700 30 marzo 2018

L'impatto della discriminazione di genere sull'economia mondiale

Maggiori sono le politiche a favore del lavoro femminile, più ricchezza si produce per gli Stati. Lo studio della Banca Mondiale.

  • ...
Discriminazione Genere Economia

Se ancora ci fosse qualche scettico, la presa di posizione della Banca Mondiale dovrebbe spazzare via qualsiasi dubbio: meno diritti hanno le donne, più l'economia va male. Uno studio pubblicato nella giornata di giovedì 29 marzo ha infatti confermato che l'assenza di leggi che difendono le donne da molestie e soprusi sul lavoro finiscono non solo per svantaggiare le dirette interessate, ma anche per deprimere le economie nazionali.

VINCOLATE AGLI UOMINI

Come riporta il Guardian, lo studio prende in esame 189 economie del mondo: sono ancora tantissime le realtà dove le donne si imbattono in ostacoli insormontabili che impediscono loro di dare vita a piccole imprese o di svincolarsi dalla tutela economica dei mariti. In Paesi come la Guinea Equatoriale, ad esempio, le donne che vogliono chiedere un prestito alla banca devono avere un permesso firmato dal coniuge. 104 economie, invece, vietano alle donne di lavorare di notte o di svolgere certi lavori, come nei settori del manifatturiero o dell'energia.

LENTI MIGLIORAMENTI

Al di là di questi divieti, anche l'assenza di tutele per le donne contribuisce a peggiorare il quadro complessivo della situazione. Non c'è nazione che non abbia qualche aspetto da migliorare, ma gli esempi più virtuosi sono quelli di Regno Unito, Nuova Zelanda e Spagna. E anche se alcuni Paesi totalizzano l'imbarazzante punteggio di zero, ci sono anche casi di Paesi che, pur con tutta una serie di limiti, hanno promosso politiche di riduzione del divario di genere. È il caso di alcuni Stati africani come Kenya, Congo, Iraq, Tanzania e Zambia. La Banca Mondiale stima le perdite economiche causate dal divario di genere nell'ordine del 15%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso