26 Agosto Ago 2017 0710 26 agosto 2017

Dieta zero peli

Per combattere la peluria in eccesso nelle donne, si può ricorrere anche ad un’alimentazione adeguata. Ecco i consigli di Elena Nicoli, biologa nutrizionista esperta in fitoterapia e kinesiologia.

  • ...
donna pelosa si rade

Donna baffuta sempre piaciuta? Difficile. C’è chi è ossessionata anche da un pelo fuoriposto del sopracciglio, e chi invece attende l’estate per darsi alla depilazione. C’è chi ricorre a tecniche che promettono un’epilazione definitiva e chi preferisce mantenere costante l’appuntamento con l’estetista. Fatto sta che la depilazione è una delle noie dell’esser donna, e il ‘sacro rito’ della ceretta è fastidioso quasi quanto quello della rasatura mattutina per gli uomini. Senza contare che la produzione pilifera, in alcuni casi, può essere un vero e proprio disturbo. Perchè, per quanto una certa quantità di peluria sia normale nelle donne, vi sono dei limiti oltre i quali si parla di una condizione esteticamente fastidiosa, chiamata irsutismo. In questo caso i peli in eccesso crescono anche e soprattutto in zone tipicamente ‘maschili’ (come sopra al labbro superiore, sul mento, sulla schiena e addirittura sul petto). Quindi, per quanto un corpo femminile più o meno depilato sia una questione anche di usi e costumi culturalmente localizzati, di sicuro l’irsutismo risulta, a prescindere, poco gradevole.

È UNA QUESTIONE DI ORMONI
Le cause del disturbo possono essere di vario genere, ma sono principalmente ormonali. Spesso infatti è legato ad alti livelli di androgeni, gli ormoni maschili. Che sono comunque presenti in una certa quantità anche nelle donne, ma quando i livelli sono troppo alti, le conseguenze diventano evidenti: irsutismo, acne e timbro di voce mascolino.
Questo squilibrio è più comune in chi soffre di condizioni quali l’ovaio policistico, la sindrome di Crushing e i tumori alle ghiandole surrenali o alle ovaie.
«Alle volte, però, le cause dello sviluppo di tale problema non sono così evidenti, ed è per questo che occorre indagare in maniera più approfondita, valutando ad esempio parametri quali il cortisolo ematico (indice di forte stress), che se troppo elevato induce la trasformazione degli ormoni estrogenici da  progesteronici in testosteronici», spiega Elena Nicoli, biologa nutrizionista esperta in fitoterapia e autrice del libro La salute vien mangiando (Editoriale Programma, pp. 160, 7.50 euro). Occhio anche ad alcuni farmaci, come gli steroidi anabolizzanti, che possono modificare i livelli ormonali nell’organismo.
Inoltre l’irsutismo può anche avere radici genetiche: ad esempio, è più comune nelle donne mediorientali, mediterranee e provenienti dall’Asia meridionale.

ANCHE L'ALIMENTAZIONE È IMPORTANTE
L’approccio olistico, poi, prende in esame anche eventuali squilibri a livello energetico. «Secondo questo tipo di interpretazione se una donna presenta uno squilibrio ormonale vuol dire che sta affrontando una continua battaglia nella vita. Un conflitto che la porta ad una reattività maschile di tipo yang». Nell’antica filosofia cinese, yin e yang sono due concetti opposti e complementari, e rappresentano rispettivamente la notte e il giorno, la passività e l’attività, il femminile e il maschile. Proprio per questo motivo, l’esperta afferma che è fondamentale limitare gli alimenti yang (ossia con energia maschile), come la carne, le uova, i formaggi stagionati, il sale in eccesso e i cereali raffinati. «L’alimentazione per combattere l’irsutismo deve quindi essere ricca di vitamine del gruppo B, in particolare B2, B3, B5 e B6, utili a riequilibrare aspetti ormonali alterati dallo stress». Ma non solo vitamine: la dietologa consiglia cibi contenti cromo per tenere bassa la risposta insulinemica nel caso di irsutismo associato a sovrappeso o obesità,  e  magnesio, un altro oligoelemento carente spesso nella sindrome premestruale, il cui contributo aiuta a superare stati di stanchezza ed affaticamento, regolarizzando la tolleranza al glucosio.
In natura, poi, esistono varie piante che possono essere utilizzate per combattere la peluria in eccesso, in quanto possiedono principi attivi che risultano essere regolatori endocrini.

Nella gallery alcuni alimenti e rimedi naturali che contengono le vitamine e gli oligoelementi consigliati da Nicoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso