2 Settembre Set 2015 1300 02 settembre 2015

Reggiseno, mollami

Con o senza ferretto, push-up, a balconcino, sportivo. Ne esistono di tutti i tipi e di tutti i colori, ma è proprio necessario indossarli di continuo? Sette motivi per cui farne a meno.

  • ...
ThinkstockPhotos-184309587

Tiene il seno su, è sexy, fa moda. I motivi per portare il reggiseno si conoscono bene, ma le donne lo indossano fin troppo. C’è chi non lo mette via neanche di notte, chi tiene il push-up in casa, chi ne acquista ogni giorno uno nuovo per il suo outfit, chi non riesce a vedersi attraente senza.  La verità è che dal reggiseno bisognerebbe sganciarsi, ogni tanto. Ecco sette motivi (scientifici ed estetici) per cui vale la pena farlo.

VESTITO SCOLLATO? NO PROBLEM
Quante volte hai dovuto cambiare reggiseno perché non si addiceva al vestito che volevi indossare? E quanto tempo hai perso per trovare (sempre che tu ci sia riuscita) quello adatto alla tua scollatura? A volte, la soluzione migliore è eliminare il problema alla radice. Puoi decidere di non indossare il reggiseno, per esempio. Ci guadagnerai in termini di tempo ed estetica.

LE TUE TASCHE RINGRAZIANO
Ricorda: un reggiseno non è per sempre. Dopo nove mesi di vita (massimo), va messo da parte e sostituito con uno nuovo. Nel tempo, infatti, la stoffa si allenta e anche i ferretti non sostengono più come prima. E, si sa, più un reggiseno è bello più costa. Prima di alleggerire il portafoglio, hai mai pensato che potresti essere sexy anche senza?

L'ORIGINE DEL MAL DI SCHIENA
Altro che colpo della strega, aria condizionata o strappi maldestri. A causare il mal di schiena nelle donne, la maggior parte delle volte, è proprio il reggiseno. Soprattutto se lo si indossa fin da quando si è molto giovani: per i ricercatori dell’Università di Besancon, infatti, rallenterebbe lo sviluppo dei muscoli della schiena. La conseguenza? Una maggiore fragilità di ossa e tessuti.

NON SENTIRTI SCHIACCIATA
Il suo antenato era il corsetto e la cosa non sorprende. Anche il reggiseno usa le maniere forti, soprattutto con le taglie più grandi. Comprime, schiaccia, causa pruriti e fastidi di altro tipo. «Chi bella vuol apparire qualche pena deve patire», dice un vecchio proverbio. Domandati però quanto ne vale la pena e, soprattutto, quando puoi farne a meno.

L'UMORE VA SU, IL SENO VA GIÙ
L’idea che il reggiseno ti garantisca un seno sodo e tonico più a lungo ti lusinga e ti rende felice? Ben venga la tua positività. Sappi, però, che il reggiseno produce l’effetto opposto. «Lasciate cadere il reggiseno»: è stato questo l’invito del professor Jean-Denis Rouillon, specialista francese di medicina sportiva. Secondo gli studi condotti, l’indumento intimo, anziché prevenire, amplificherebbe il cedimento dei muscoli. Il petto, abituato ad avere un sostegno, nel tempo rischia di non essere più autonomo e di crollare. Hai presente l’espressione «impara a stare in piedi da solo?». Ecco, prova a dirlo al tuo seno. Mettilo alla prova con la forza di gravità. L’allenamento lo renderà più resistente.

IL TUO REGGISENO NON FA PER TE
Come se non bastasse mettersi alla ricerca del lavoro e dell’uomo giusti, arriva anche il reggiseno a fare il guastafeste. Ebbene sì: trovare il reggiseno adatto richiede competenza ed esperienza. Cose che, secondo un recente sondaggio condotto dall’azienda di intimo femminile Triumph, il 76% delle donne non ha. Ed ecco che, nella maggior parte dei casi, si acquista la taglia sbagliata. Non ti resta che sperare di essere nel restante 24%...

EMÀNCIPATI DAI FALSI MITI
Informati bene e, poi, smentisci. Ci sono leggende sul reggiseno totalmente false! Interrompendo la tua 'dipendenza-da-reggiseno', dimostrerai di essertene liberata. Eccone alcune: indossarlo di notte fa diventare il seno più sodo; il push-up è un ottimo supporto (al contrario, sposta il tessuto adiposo nella parte posteriore); chi ha il seno grande è obbligata a indossare il reggiseno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso