DETOX 30 Ottobre Ott 2012 1215 30 ottobre 2012

Peeling, è pulizia profonda

Depurare il viso è fondamentale perchè i cosmetici penetrino con efficacia nell'epidermide.

  • ...
idratazione

Dopo un'esfolliazione è sempre bene idratare molto il viso.

Getty Images/iStockphoto

Con i cambi di stagione la pelle diventa secca, meno elastica, perde luminosità e appare spenta e opaca. Soprattutto quella del viso che ha bisogno, essendo una zona molto delicata, di cure costanti e di prodotti specifici. Partendo da peeling e gommage. Perché è solo grazie a un’esfoliazione dolce che i cosmetici, applicati successivamente sulla pelle, riescono a penetrare a fondo e a garantire tutti i benefici promessi.
BISOGNO DI CAMBIAMENTO
C’è un disperato bisogno di rinnovare l'epidermide per depurarsi e detossinarsi, poichè scorie e tensioni influiscono moltissimo sulla pelle fino a renderla spenta. Ma gli scrub e gli esfolianti non possono essere in questo periodo troppo aggressivi, come quelli a cui ervamo abituate a usare in primavera ed estate. Perché ora la nostra pelle è più delicata, a causa dello stress subìto durante la bella stagione, con lunghe esposizioni al sole, bagni salati, nuotate in piscina e aggressione degli agenti atmosferici. I prodotti che “parlano” di rinnovamento cellulare sono solitamente realizzati con gel detergenti e un’emulsione cremosa vegetale o minerale contenente appunto particelle che a contatto con l’acqua e con un delicato massaggio si sciolgono. Ecco che allora bisogna essere in grado di scegliere quelli più adatti: innanzitutto di buona qualità, ma soprattutto con particelle esfolianti minuscole, in grado sì di rimuovere le cellule morte che si vanno solitamente a depositare sullo strato corneo, ma non così aggressivi da irritare la pelle.
MASSAGGIARE CON PICCOLI MOVIMENTI ROTATORI
«Prescrivo spesso questo tipo di prodotto ai miei pazienti e il consiglio che dò loro è quello di applicarlo sulla pelle e massaggiarlo con piccoli movimenti rotatori così da permettere alle micro particelle di liberare le sostanze nutritive oltre ad esfoliare», spiega il professor Santo Raffaele Mercuri, responsabile dell’Unità operativa di dermatologia e cosmetologia dell’Istituto ospedaliero San Raffaele di Milano. Le formule sul mercato oggi, oltre a svolgere un’azione abrasiva, garantiscono anche una pelle rigenerata, idratata e una grana uniforme: «Allo sguardo e soprattutto al tatto, dopo un peeling ci si ritrova la morbidezza vellutata di un neonato», continua l’esperto. Che ricorda come un’esfoliazione settimanale permetta ai prodotti che vengono applicati successivamente sul viso, ad esempio sieri ringiovanenti o creme anti-age, di penetrare a fondo nell’epidermide «perché i principi superano la trans epidermal barrier low senza più nessun ostacolo».
EVITARE I GRANULI GROSSI
«Per ottenere esclusivamente benefici dai gommage, bisogna evitare i prodotti composti da granuli grossi che causerebbero solo micro abrasioni», conclude il professore, «ed evitare tassativamente di utilizzarli senza acqua, perché più dannosi per la pelle del viso». Lo scopo dell’esfoliazione è quello di pulire l’epidermide in profondità. Ma la pelle ha anche necessità di essere ben idratata dopo questa “operazione”. Ecco quindi perché dopo il peeling bisogna sempre applicare una maschera lenitiva o uno strato abbondante di crema idratante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso