SOLE SU MISURA 2 Luglio Lug 2012 1033 02 luglio 2012

Mi abbronzo come dico io

Non sempre è facile scegliere il solare adatto alle proprie esigenze. Per dissolvere ogni dubbio, LetteraDonna.it ha messo a punto una guida all’acquisto.

  • ...
tintarella

C’è chi vuole un’abbronzatura sprint, chi soffre il caldo, chi non rinuncia al trucco nemmeno in spiaggia e chi necessita di protezioni extra o speciali. Sotto il sole ognuno ha le sue esigenze. E le case cosmetiche cercano di soddisfarle al meglio diversificando il più possibile formule e texture dei solari. Ma non sempre è facile identificare il prodotto che fa sentire a proprio agio in ogni momento della giornata e rende ancora più piacevole la vacanza. Per facilitare la scelta, LetteraDonna.it ha suddiviso i prodotti in base alle loro performance e, con la consulenza di Antonella Antonini, docente al master di cosmetologia dell’Università di Ferrara, ha messo a punto una guida all’acquisto, affidabile e di rapida consultazione.
I PIÙ FUNZIONALI

Il viso, soprattutto nella zona contorno occhi e labbra, richiede sempre alte protezioni.

Getty Images/Goodshoot RF

Se la pelle è molto delicata e soggetta all’eritema, occhio alla formula: non deve contenere parabeni e profumi, che potrebbero provocare fenomeni infiammatori, soprattutto se la cute non è perfettamente integra. Inoltre, durante le prime esposizioni, è d’obbligo usare un prodotto con SPF non inferiore a 50. Ma anche se la pelle non è particolarmente sensibile, alcune zone possono richiedere una protezione extra, come il contorno occhi e le labbra, sempre a rischio di invecchiamento precoce. A questo scopo sono stati creati appositi stick arricchiti con principi attivi antiage e dotati di filtri particolarmente potenti.
I PIÙ PROTETTIVI
Anzitutto è importante precisare che nessun solare può assicurare un’azione sunblock. Basti pensare che i raggi solari penetrano anche attraverso i tessuti. L’indice di protezione massimo è il 50+, ma perché il suo potere schermante rimanga stabile va applicato ogni due ore. I solari di questo tipo sono l’ideale per chi va in barca, pratica windsurf (il riverbero dell’acqua potenzia i raggi del 10%) o va in vacanza in alta montagna, dove l’atmosfera rarefatta rende il sole più aggressivo.
I PIÙ FRESCHI
Chi soffre molto il caldo e resiste solo pochi minuti en plein soleil può tranquillamente abbronzarsi sotto l’ombrellone, sfruttando i raggi che filtrano attraverso la tela, cui si aggiungono quelli riverberati dalla sabbia. E per godere di un totale comfort, di tanto in tanto, può rinfrescarsi con qualche spruzzo di acqua solare. La maggior parte non contiene filtri, in compenso tutte racchiudono principi attivi idratanti e protettivi del DNA cellulare.
I PIÙ GLAM

Per chi non rinuncia al trucco nemmeno al mare, esistono solari specifici.

Getty Images/iStockphoto

C’è chi al fondotinta non vuole rinunciare nemmeno in spiaggia. Proprio per le irriducibili del trucco sono stati creati solari specifici per il viso ad alto contenuto di pigmenti. Cremosi e compatti, coprono le piccole imperfezioni, rendono omogeneo l’incarnato e, al tempo stesso, assicurano la massima protezione. Per stenderli in modo uniforme, conviene applicarli sopra una base di crema idratante.
I PIÙ ABBRONZANTI
La pelle stenta a diventare scura o l’obiettivo è un colore caraibico a tempo di record? In entrambi i casi, i solari giusti sono quelli arricchiti con attivatori della melanina, che danno un colpo d’acceleratore alla produzione di questo pigmento. La sostanza più usata è la tirosina, ma funzionano bene anche alcuni principi attivi di origine vegetale. In genere, i solari di questo tipo sono a medio o basso SPF, quindi vanno applicati spesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso