SONDAGGIO ONLINE 8 Giugno Giu 2012 0922 08 giugno 2012

Rifatte & soddisfatte (a letto)

Una taglia di seno in più rende la vita sessuale più gratificante (!?).

  • ...
seno

Il seno rifatto garantirebbe un'attività sessuale migliore.

Avere un bel seno per natura è una fortuna, ma forse lo è ancor di più quella di chi ha un décolleté rimodellato ad arte (e senza parsimonia) da un chirurgo estetico. In questo caso, infatti, sembrerebbe migliorare anche la vita sessuale delle signore in questione. Incredibile, ma vero. O almeno, questo è quanto emerge da un insolito sondaggio effettuato da RealSelf.com, un social network il cui argomento di conversazione sono i trattamenti estetici, in particolare quelli sperimentati sulla propria pelle. Insomma, ribadiamo che non si tratta di una ricerca scientifica e nemmeno di uno studio epidemiologico, ma di un curioso sondaggio online; scopriamo così che il 61% delle partecipanti ha dichiarato che, dopo l’intervento, i rapporti con il partner sono diventatipiù frequenti e vivaci. Con grande soddisfazione di entrambi. È andata ancora meglio al 70% delle intervistate, entusiaste dei loro attuali orgasmi, rapidi e a dir poco esplosivi, mentre prima battevano un po’ la fiacca. Tutto merito di un seno nuovo di zecca? LetteraDonna.it lo ha chiesto Giovanni Ponzielli , chirurgo estetico.
PIÙ SICURE DI SÉ (FORSE)
«Il seno è il simbolo più forte della femminilità: se è poco sviluppato o rilassato rischia di creare inibizioni e problemi a livello psicologico, che si ripercuotono sulla vita sociale  e  sull’approccio sessuale. Non a caso, l’intervento di mastoplastica additiva è tra i più richiesti. Certo, per ottenere un risultato soddisfacente, va eseguito da mani esperte e in modo corretto: la protesi deve essere certificata, meglio se dall’autorevole e severissima FDA americana. Poi va scelta di forma e dimensioni in armonia con il corpo della paziente e posizionata in una tasca creata in base alla sua struttura corporea», spiega l'esperto.
Ma per raggiungere quesgli orgasmi cinque stelle di cui favoleggiano le superdotate online quanto bisogna soffrire? «Durante le prime ore, è inevitabile avvertire un forte indolenzimento, che è facile alleviare con farmaci antidolorifici di uso comune. Le normali attività si possono riprendere dopo 10 giorni, evitando di sforzare le braccia. Per la guarigione completa, invece, occorre attendere un mese» aggiunge Ponzielli. Allora: 10 giorni di ferie e circa 6.000 euro per l'operazione: ma me vale davvero la pena? Le prosperose navigatrici non hanno dubbi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso