NUOVE SCOPERTE 25 Maggio Mag 2012 1405 25 maggio 2012

Sono acida, quindi ho la cellulite

L'inestetismo sarebbe causato da iperacidificazione dei tessuti. Per combatterlo basta una dieta.

  • ...
Cellulite-apertura

La pelle con il tipico aspetto a buccia d'arancia.

Sei acida? Soffrirai di cellulite. Sembra un’anatema, invece è il risultato degli studi presentati all’ultimo congresso della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME), secondo i quali la panniculopatia edemo fibro sclerotica, detta anche cellulite, non avrebbe origine da un’insufficienza del sistema circolatorio superficiale ma da un’infiammazione dei tessuti causata dallo squilibrio acido-basico del nostro corpo: «È il tessuto adiposo, che agisce come un organo endocrino, a infiammare i tessuti e innescare le trasformazioni della pelle a buccia di arancia», spiega Emanuele Bartoletti, segretario della SIME.
La soluzione potrebbe arrivare da un nuovo percorso alimentare depurativo, che serve a «pulire» l’organismo, diminuendone l’acidità e, di conseguenza, lo stoccaggio dei grassi localizzati.
La teoria della de-acidificazione, in realtà, non è nuova. Ricercatori nel campo della nutrizione, quali Ragnar Berg, il dottor Franz Mayr, Maxiliam Bircher Benner o Friedrich Sanders, fin dai primi decenni del secondo millennio hanno richiamato l’attenzione sull’importanza dell’equilibrio acido-basico quale fondamento principale della nostra salute.
OBIETIVO: RESTARE NEUTRE

Il naturopata Kurt Tepperwein.

Nel suo volume Sind Sie Saver? (ovvero Siete acidi?), il naturopata Kurt Tepperwein sviluppa e approfondisce la teoria degli scienziati e osserva: «Tutta la vita cominciò nel mare e ancora oggi il nostro corpo è composto da acqua per più del 70%. Il valore del ph dell’acqua marina è tra l’8 e l’8,5. Il valore del ph del nostro sangue è di 7,4 costante, con lievi oscillazioni. La qualità della nostra vita perciò dipende dal fatto che il nostro corpo rimanga in ambito neutro, meglio se leggermente basico, ovvero superiore a 7».
Nel volume, inoltre, un intero capitolo è dedicato proprio alla cellulite: «La cellulite ha tre cause: l’effetto degli ormoni femminili, l’aumento delle cellule di grasso, l’iperacidificazione dei tessuti. Un’alimentazione ricca di alimenti basici favorisce l’eliminazione degli acidi in eccesso e di conseguenza la riduzione delle cellule di grasso. Se in aggiunta si massaggia regolarmente la zona affetta, si risolverà il problema in breve tempo».
ACQUA SÌ, MA DI PATATE
Ma quali sono gli alimenti acidi da eliminare? E i basici da preferire?
«Prima di iniziare qualsiasi trattamento anti cellulite, bisogna seguire uno schema nutrizionale per deacidificare i tessuti, aumentando frutta, verdura e legumi, rispetto a carni, zuccheri e dolci. Se le seconde urine del mattino sono acide (si controlla l’acidità con un misuratore di pH, ovvero le cartine al tornasole che si acquistano in farmacia), si possono assumere dei farmaci a base di bicarbonato, dopo consiglio del medico di famiglia», spiega Pier Antonio Bacci, docente di medicina estetica all'università di Siena.
Una bevanda deacidificante sperimentata è l’acqua delle patate come lo sono il tè AlfaAlfa, il tè Lapacho, il tè di Equiseto di campo e la miscela Royal Plus.
BAGNI DI BICARBONATO

I bagni con bicarbonato sono un'ottima cura fai-da-te per ringiovanire i tessuti.

Tra le ricette fai-da-te per deacidificare l’organismo, il naturopata Kurt Tepperwein ne suggerisce una semplice ed economica: «Consiste in bagni completi con bicarbonato di sodio e un valore del ph 8,5. Già dopo alcuni di questi bagni, che dovrebbero durare un minimo di tre ore, si prova un benessere generale, una vitalità crescente e un ringiovanimento di tutti i tessuti, anche del viso. Un effetto che nessun altro provvedimento consentirebbe di ottenere».
L’aspetto negativo? La lunga permanenza in acqua, ma attrezzandosi con buona musica, libri e giornali le ore passeranno in un attimo!
Per ottimizzare i risultati del massaggio - consigliato anche dai ricercatori - da abbinare al regime alimentare deacidificante, si possono utilizzare creme, fluidi, gel anticellulite e antiedema che migliorano il microcircolo (indispensabile per eliminare i grassi attraverso la circolazione) e disinfiammano i tessuti.
LetteraDonna.it ha selezionato per voi le texture cosmetiche più efficaci che restituiscono compattezza e tonicità ai tessuti mentre aiutano a ridisegnare la silhouette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso