18 Settembre Set 2017 1115 18 settembre 2017

Professione piedista, i segreti del lavoro di Carla Cruz del Grande Fratello Vip

Cristiano Malgioglio si è chiesto come possa fare la modella, vista l'altezza. Ilary Blasi ha spiegato che la sudamericana è protagonista di scatti pubblicitari ma solo dalle caviglie in giù. Esiste infatti un settore della moda dedicato solo ai piedi. Ben pagato soprattutto all'estero. E in Italia?

  • ...
Carla Cruz

Serena Grandi che russa e non lo fa dormire, Simona Izzo che lo accusa di essere un impiccione di prima categoria, la banana che gli cade proprio sul più bello. A pochi giorni dall'inizio, il Grande Fratello Vip si è trasformato in un Malgioglio show che colleziona altissimi momenti di epicità trash. Ed è proprio in uno di questi exploit che il buon Cristiano ha dato voce al pensiero di molti italiani. Alla vista di Carla Cruz, tra gli ultimi concorrenti a entrare nella casa, il cantante non si è trattenuto e ha espresso la sua perplessità nei confronti della ragazza, sconosciuta non solo ai più, ma praticamente a tutti: «Tu cosa ci fai qui? E tu saresti una modella? Non è possibile, sei alta come me!». E come dare torto all'ex paroliere di Mina. Ma attenzione, la sudamericana posa davvero per i fotografi, ma degli scatti sono protagonisti solo i suoi piedi. Ebbene sì: esiste anche la modella di piedi, o, se preferite, piedista. Se non ci credete basta fare un giro sul web, dove abbondano i classifici tutorial per diventarlo. O per capire se si hanno le caratteristiche per almeno provarci. Certo, molti annunci sono postati da feticisti e appassionati, ma esistono anche agenzie che si occupano solo del settore.

UN SETTORE MISTERIOSO

Incuriositi da questa professione, abbiamo deciso allora di indagare. E come prima cosa abbiamo messo mano alla nostra rubrica di redazione per fare un giro di telefonate fra i professionisti delle case di casting milanesi. Peccato che il nostro entusiasmo sia stato spento dai feedback ricevuti. Vuoi per poca voglia di parlare dei segreti del mestiere, vuoi perché il mercato italiano delle parts model è ancora poco sviluppato, sulle prime non ne è venuto fuori molto. Chi non sapeva cosa rispondere, chi non si occupava di servizi simili, chi ha promesso di mandarci più informazioni in email mai arrivate a destinazione. Ma visto che Ilary Blasi ha detto che le modelle di piedi esistono, non ci siamo dati per vinti, e abbiamo continuato a chiamare. Alla fine qualcuno che se ne occupa nel dettaglio l'abbiamo trovato, e siamo riusciti a saperne un po' di più. Come ci hanno spiegato dalla Milano Model Agency, è difficile che ci siano ragazze che riescano a campare solo come piediste. Spesso infatti si ricorre a modelle già presenti in agenzia e che possano lavorare anche negli showroom. Serve quindi, oltre alla bella presenza dei piedi, anche quella generale. Quando un cliente ha particolari esigenze per shooting e campagne pubblicitarie, è il casting interno che decide che ingaggiare di volta in volta. Hanno vita più facile le maniste, che avendo a che fare solo con servizi fotografici e stampa possono essere più libere dai canoni standard. Per loro gli ingaggi importanti sono più frequenti, si tratta di uno alla settimana o ogni due, ed è più semplice costruirsi una carriera in cui si venga espressamente richieste.

LE STAR D'OLTREOCEANO

Diversa la situazione negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, dove il settore appare molto più florido e strutturato. Lì le parts model sono una realtà affermata e se ne trova notizia su moltissimi siti. E alcune vengonon addirittura dipinte come mini celebrità: la più famosa è Adele Uddo, troppo bassa per sfilare sulle passerelle, ma perfetta per sponsorizzare profumi e scarpe. Negli Stati Uniti è fra le più richieste, e vanta contratti con nomi come Dior e Louboutin.
Alcune agenzie, tra le quali BMA Models, hanno delle sezioni apposite: di solito sono sotto la categoria 'specialities' a fianco delle modelle curvy o delle donne incinte. Qui si possono vedere primi piani di piedi e mani, e i grandi marchi possono scegliere quelli che più gli piacciono. Un mercato dai ricavi non indifferenti: in un articolo pubblicato su Forbes si stima infatti che per un servizio stampa una modella posso guadagnare fra i duemila e cinquemila dollari. E secondo Linda Teglovic, a capo del Model Parts Models, Inc, lavorando tutto un anno si potrebbe arrivare sino ai 75mila. Ovviamente si tratta di contratti che coinvolgono i grandi nomi di gioielli e accessori, a cui va aggiunta una serie disparata di servizi. Spesso, per esempio, maniste e piediste devono in parte sostituire le grandi stelle hollywoodiane che non sono fornite di estremità graziose quanto il loro viso. Come era successo al famoso pollice corto di Megan Fox, rimpiazzato in post produzione con un suo simile più adatto.

I CONSIGLI DA TENERE A MENTE

Se questa strada vi ha affascinato e se Madre Natura vi ha donato un piede alla Cenerentola, i consigli che leggerete online sono simili a quelli per le modelle classiche: valutare con obiettività il proprio aspetto, realizzare un primo book e iniziare a contattare professionisti del settore. Poi, la cura costante: la pelle deve sempre rimanere liscia e tonica, non devono esserci cicatrici, vene in evidenza o nei. E, infine, fioccano i rimedi di bellezza: esfolia, idrata, proteggi è il mantra che troverete ovunque. E, incredibile ma vero, alcuni danno anche indicazioni su come «veicolare emozioni» muovendo alluci e affini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso