7 Settembre Set 2017 2000 07 settembre 2017

Grazie a Ed Sheeran le inglesi ora vanno pazze per i rossi. Le foto dei migliori

Il fulvo piace. O forse è soltanto merito del cantante di Shape of you, che ha creato una tendenza nel gusto femminile? Ad ogni modo, ecco le celebrità con la chioma più apprezzata del momento. 

  • ...
Ed Sheeran

Quando ad agosto 2017 è stato annunciato che dopo le emoj di avocado e unicorni sarebbero arrivate anche quelle delle persone con i capelli rossi, il 2% della popolazione mondiale ha esultato: anche i redhead avevano ottenuto l’onore di apparire sulle tastiere dei nostri smartphone. Ora, c’è un’altra notizia che dovrebbe renderli ancora più contenti: una ricerca dice che, negli ultimi anni, le lentiggini e i capelli ramati vanno a braccetto con una vita sessuale molto attiva. Lo studio arriva ovviamente dal Regno Unito, dove c’è la più alta concentrazione di ‘pel di carota’, ed è stato portato avanti intervistando 175 ginger men e un migliaio di donne. Ad ascoltare entrambe le campane, sembrerebbe chiaro che i gusti femminili stiano virando velocemente verso il rosso passione. Il merito, a quanto pare, è di Ed Sheeran: da quando in cima alle classifiche c’è lui, i capelli arancioni non sono più una maledizione, ma un pregio.

L’ED EFFECT
Il cantautore di Halifax ha sdoganato l’«Ed Effect» e già nel 2015 raccontava che molti ragazzi gli scrivevano per ringraziarlo delle loro conquiste amorose. I giovani inglesi, infatti, sfruttavano la somiglianza con la popstar per conquistare schiere di fanciulle. Non stupisce quindi che oltre un terzo dei partecipanti all’indagine abbia ammesso di essere stato scambiato per il cantante e che una donna su 20 abbia detto addio a mori e biondi.
Le scoperte di OnePoll.com non si sono però fermate qui. Alle ragazze è stato infatti chiesto di stilare una classifica dei loro dieci sex symbol preferiti. Ovviamente, in rosso. Ironia della sorte, la voce di Think out loud non è riuscita a ottenere il podio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso