Sessismo

Sessismo

18 Agosto Ago 2017 1903 18 agosto 2017

Vendicarsi non è la soluzione

Handsome Her è un bar di Melbourne che fa pagare agli uomini il 18% in più, per via della disparità salariale subita dalle donne. Ma al sessismo non si risponde con altro sessismo: è divisivo.

  • ...
Paige Cardona

«Un luogo di donne, per donne» A Melbourne nasce Handsome Her, un bar che fa giustizia a modo suo, facendo pagare agli uomini di più. L'obiettivo è conquistarsi una parità di genere fai da te inventandosi una 'man tax': per i consumatori dell'altro sesso i prezzi aumentano del 18%. Non è una percentuale arbitraria, è la quota del gender pay gap, la distanza tra i salari maschili e quelli femminili. Insomma, secondo le proprietarie, se le donne vengono discriminate tutti i mesi nella busta paga, bisogna bilanciare. Ma non certo così: se si vuole criticare un sistema sessista non lo si può fare con altrettanto sessismo. Questa strategia della vendetta, seppur sia riuscita a far parlare del problema e renda temporaneamente giustizia con un messaggio forte, non può essere una soluzione. Non sistema le disuguaglianze alla radice. Difficilmente farà capire agli uomini la gravità del problema e rischia invece di avere effetti perversi e di rivelarsi divisiva.

BUFERA SOCIAL
Naturalmente sui social sostenitori e critici non si sono risparmiati, dando vita a una polemica destinata a durare a colòi di tweet.

Paige Cardona: «Mi piacerebbe molto se tutti pensassero a questo. I miei amici hanno un bar: Handsom Her, è da donne per donne e fa pagare il 18% di tassa agli uomini!».
Josh Elliott: «Da uomo non mi da nessun problema. Non esiste nessun motivo per cui le donne non possano avere degli spazi per loro e dettare quali siano le regole».

General Soreness: «Divisivo, sicuramente capiscono che occupare uno spazio pubblico sulla base del genere non può portare all'eguaglianza!».

Pauloncè: «Non sono una fan. Anche se apprezzo che stiano sottolineando il problema dei salari, creare un 'noi' e un 'loro' è divisivo. Ecco perché Twitter è in fiamme».

Paige Cardona: «Non sarei così aggressiva con le 'regole', ma vedo ciò che stanno cercando di conquistarsi.
Erin Riley: Io lo amo. Specialmente perché crea un ambiente dove le donne si sentono al sicuro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso