25 Maggio Mag 2017 0900 25 maggio 2017

Sognando un'Africa donna

Il continente di certo non è il primo che viene in mente se si pensa all'uguaglianza di genere. Ma numerose esponenti del gentil sesso hanno fatto la differenza. Eccone alcune.

  • ...
Thuli Madonsela

Il 25 maggio si celebra la giornata dell'Africa, che ricorda l'anniversario della fondazione, nel 1963, dell'Unione africana: i leader di 30 dei 32 stati indipendenti firmarono lo statuto ad Addis Abeba, in Etiopia.

DONNE CORAGGIOSE
Quando si parla di uguaglianza di genere, sicuramente quello africano non è il primo continente che viene in mente. Lì, spesso, le donne non godono della stessa considerazione degli uomini ma assumono, anzi, un ruolo subordinato. Alcune, però, hanno deciso di intraprendere un viaggio alla ricerca dell'indipendenza, dimostrando che la vera radice del successo risiede nella volontà di mettersi in gioco e nel desiderio di andare avanti con decisione. Ecco 10 di loro che hanno fatto la differenza, diventando fonte di ispirazione e incoraggiamento per molte altre.

ORY OKOLLOH
Ory Okolloh, classe 1977, è avvocato, attivista e blogger. Nata in Kenya, ha guidato la fondazione di Ushahidi, un strumento collettivo che permette a cittadini, giornalisti e testimoni oculari in tutto il mondo di denunciare episodi di violenza utilizzando il web: email, sms, Google Maps e Twitter. Okolloh ha occupato anche la posizione di policy manager di Google per l'Africa, ed è ampiamente riconosciuta come una delle donne più influenti nella tecnologia globale.

CHIMAMANDA ADICHIE
Chimamanda Adichie, nigeriana, è una delle principali voci letterarie contemporanee dell'Africa. È stata paragonata ai grandi protagonisti della letteratura del continente, come Chinua Achebe, Camara Laye e Cyprian Ekwensi. Nel 2006 il suo secondo romanzo, Half of a Yellow Sun, ha vinto l'ambito Orange Prize, e Chinua Achebe (da molti considerato il padre della letteratura africana) ha affermato di lei: «Ha il dono degli antichi cantastorie».

GENZEBE DIBABA KENENI
Genzebe Dibaba Keneni è un’atleta etiope, specializzata nel mezzofondo. Ha battuto il record del mondo sui 1500 e ora guarda a Rio 2016 per raggiungere l’oro. È stata inserita tra le donne più importanti del 2015 dal quotidiano britannico Financial Times.

THULI MADONSELA
Nella stessa classifica c'è anche Thuli Madonsela, un’agguerrita avvocatessa sudafricana, che ha accusato il presidente Jacob Zuma di corruzione, mettendo in luce l’utilizzo dei soldi derivanti dalle tasse per usi personali. Per questo, e non solo, in Sudafrica è stata oggetto di attacchi e insulti da parte della coalizione di governo.

FATIMA-ZAHRA MANSOURI
Fatima-Zahra Mansouri all'età di 33 anni è stata la prima donna eletta sindaco  di Marrakech (2009-2015), la terza più grande città del Marocco con più di un milione di abitanti. Dopo aver studiato diritto commerciale in Francia, è tornata nel suo Paese d'origine, dove ha fondato uno studio legale. Negli anni di mandato, Mansouri ha notevolmente ridotto la concussione, e le è riconosciuta una politica basata sulla trasparenza, responsabilità ed efficienza. Il padre, Abderrahman Mansouri, è stato vicegovernatore di Marrakech e Ambasciatore del Marocco per gli Emirati Arabi Uniti.

IRENE KOKI MUTUNGI
Irene Koki Mutungi, è una pilota keniana. Ad aprile 2015, Kenya Airways l'ha nominata, all'età di 39 anni, capitano sul Boeing B787 Dreamliner, facendo di lei la prima donna africana capitano Dreamliner nel mondo. Mutungi ha iniziato a lavorare per la compagnia aerea nel 1993 e anche in quel caso aveva ottenuto un primato: prima donna pilota della Kenya Airways.

NAADIYA MOOSAJE
Naadiya Moosaje, sudafricana, è cofondatore del WomEng, un'organizzazione globale no-profit volta ad attirare, sviluppare e coltivare la prossima generazione di donne leader nell'ambito dell'ingegneria attraverso vari corsi, tra cui workshop per le scuole superiori, una 'sfida' di innovazione annuale per universitari ed eventi di networking per le donne nel settore ingegneristico. Una piattaforma preziosa per la difesa, il progresso e l'educazione delle giovani che entrano nel settore.


TARA FELA-DOROTOYE
Tara Fela-Dorotoye
, nigeriana, è avvocato e imprenditrice. Ha creato il marchio House of Tara, società leader nel settore della bellezza e della cosmetica. Nel 2013 è stata nominata Young Global leader dal World Economic Forum.


OLA OREKUNRIN
Ola Orekunrin, anche lei nigeriana, è medico e fondatrice di The Flying Doctors, il primo servizio di ambulanza aerea dell’Africa occidentale che fornisce velivoli d’emergenza per i feriti gravi. Anche lei è stata nominata Young Global leader nel 2013 dal World Economic Forum.

ISABEL DOS SANTOS
Isabel Dos Santos è la donna più ricca dell'Angola e una delle più agiate del continente. Figlia del presidente dell’Angola, Jose Eduardo Dos Santos, è molto influente nel mondo degli affari e possiede parti importanti di grandi società di telecomunicazioni e di banche sia nel suo Paese di origine che in Portogallo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso