7 Marzo Mar 2017 2015 07 marzo 2017

L'abito non fa la femminista

In risposta alle polemiche scatenate da Emma Watson e al seno mostrato sulla copertina di Vanity Fair, l'Huffington Post ha lanciato l'hashtag #WhatFeministsWear. I commenti migliori pubblicati su Twitter.

  • ...
emmawatson

Il seno mostrato (in parte) da Emma Watson sulla copertina di Vanity Fair aveva scatenato il dibattito sull'opportunità o meno, da parte di un'attivista femminista, di posare per questo genere di immagini. La posizione di LetteraDonna è stata chiara fin dall'inizio: sì, una femminista può mostrare le tette. E dello stesso avviso sono tantissimi utenti dei social.


L'HASHTAG #WHATFEMINISTSWEAR
Le donne e anche gli uomini della rete hanno raccolto l'invito dell'Huffington Post a mostrare che cosa dovrebbe davvero indossare una femminista. Una provocazione, che poi ha preso anche una piega scherzosa, lanciata con l'hashtag #WhatFeministsWear e una citazione di Gloria Steinem, giornalista e attivista statunitense, considerata la leader del femminismo degli Anni '60: «Le femministe possono indossare quel cazzo che vogliono».


CONTA IL MESSAGGIO, NON L'ABITO
Tra i tweet migliori c'è questo, che recita: «A volte tailleur. A volte abiti. A volte molto. A volte poco. Siamo tutte femministe, in modi diversi». Una frase che accompagna un collage con immagini di Michelle Obama, Beyoncé e Malala Yousafzai, attivista pakistana e più giovane vincitrice del Nobel per la pace.


DALLE PANTOFOLE ALL'HIJAB
Nei tweet 'marchiati' #WhatFeministsWear il popolo di Twitter ha condiviso ogni genere di vestito e capo di abbigliamento in generale: dai pantaloni della tuta agli abity sexy, passando per costumi da bagno, uniformi e hijab. Senza dimenticare le pantofole: «Quello che vogliono (specialmente quando hai l'ufficio a casa)!».


UN DIRITTO INSINDACABILE
«Tutto quello che vogliono, perché conoscono i loro diritti», scrive un altro utente. Citando il diritto, appunto, che ogni donna (non necessariamente femminista) dovrebbe avere: quello di vestirsi come vuole. Tweet riguardo #whatfeministswear

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso