18 Gennaio Gen 2017 1705 18 gennaio 2017

Piacere pietrificato

Dildo di pietra: la nuova tendenza erotico-spirituale che piace anche a Gwyneth Paltrow. Meglio se di giada o altri cristalli. Che, però, non hanno alcuna qualità terapeutica.

  • ...
pleasure wands

Alla lettera, non vibrano. Ma se vi concentrate, potreste trasmettergli la vostra energia prima di usarli. Quantomeno, questo è quanto affermano le neo-entusiaste del nuovo, raffinato trend dell'autoerotismo: i levigatissimi, lucidi dildo di giada. Basta con pseudopeni tutti silicone e batterie: il futuro (già presente) della masturbazione femminile è di pietra, e tutto spirituale. Tutto questo non poteva lasciare indifferente l'attrice che negli ultimi tempi, tra assurdi rimedi anti-influenza, beveroni dietetici dalla dubbia efficacia e polverine dalle supposte qualità afrodisiache, ci ha abituati a qualsiasi bizzarra panzana new age: Gwyneth Paltrow.

A QUALCOSA SERVONO
Sul suo blog/sito/shop online Goop, Gwyneth ha dedicato ampio spazio alle uova di giada, che sono proprio ciò che dicono di essere, per forma e materiale. Facile intuire come si usano: si infilano nella vagina. Anzi, pardon, nella yoni, così come viene chiamato l'organo genitale femminile nell'universo new age. Intendiamoci: non tutto ciò che scrive Gwyneth nel suo blog è campato per aria. È vero, ad esempio, che gli ovetti possono essere utilizzati per rafforzare il pavimento pelvico in accoppiata con gli esercizi di Kegel. È altrettanto vero che usare un materiale levigato possa dare sensazioni particolari rispetto al classico dildo plasticoso. I problemi cominciano quando si comincia ad attribuire alla giada qualità curative.

GIADA, BELLA MA INUTILE
Sempre che esistano, dildo e ovetti di giada possono poco per incrementare l'«energia femminile» e la «forza vitale». E la giada, qualsiasi forma abbia, non ha alcun effetto benefico (lo stesso vale per tutti gli altri 'cristalli'): non influisce sui reni, non migliora la pelle, non ripulisce da presunte negatività. È una pietra con le stesse 'proprietà' del ghiaietto che trovate nel vialetto del cortile: cioè, nessuna. Ci chiediamo dunque che cosa abbia spinto Gwyneth Paltrow a mettere in soffitta il suo vecchio dildo placcato oro.

UN PREZZO NON INDIFFERENTE
Messo in chiaro questo, dobbiamo fare i conti con la realtà: il mercato per i vibratori di giada (che non vibrano) esiste. Vi si è tuffata anche Rosie Rees, un'australiana che si dice esperta di life coaching e spiritualità. Tra i suoi cavalli di battaglia c'è lo yoga nudista, ma di recente il suo shop ha aperto le porte anche alle pleasure wands, vale a dire le bacchette del piacere. Ma, soprattutto (se non solo) del dispendio, visto che costano intorno ai 160 dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso