16 Gennaio Gen 2017 1052 16 gennaio 2017

La prevenzione si fa con un limone

12 agrumi con altrettante anomalie sintomo di un possibile carcinoma al seno. Ecco come la campagna#KnowYourLemons dell'organizzazione Worldwide Breast Cancer è diventata virale.

  • ...

Altro che cuori. Per combattere il tumore al seno bisogna usare i limoni. Nelle scorse settimane su Facebook si è diffusa una sorta di catena di Sant'Antonio che invitava a pubblicare un cuore sulla bacheca e a metterne un altro su quella dei propri contatti, per ricordare la settimana di prevenzione per il cancro al seno (che è a ottobre). La catena con i cuoricini, diffusasi a livello globale, non è però andata giù alla statunitense Erin Smith Chieze, che ha deciso di condividere un'immagine della campagna #KnowYourLemons, lanciata dall'organizzazione no-profit Worldwide Breast Cancer.

UN'IMMAGINE VIRALE
Come racconta Erin, nel 2015 un'immagine simile l'ha aiutata a capire di aver un tumore alla mammella di cui, nonostante la regolare autopalpazione, non aveva alcun sospetto. Quella di Worldwide Breast Cancer mostra 12 limoni, in pratica una dozzina di seni in miniatura con altrettante anomalie, 'allarme' di un possibile carcinoma alla mammella: creata da Corrine Ellsworth Beaumont, è diventata virale e in poco tempo ha raggiunto oltre 7,3 milioni di persone.

PERICOLO NUMERO UNO
«Abbiamo bisogno di informazioni reali, non di cuoricini. Senza essermi imbattuta per caso in un'immagine simile a questa, non avrei mai saputo cosa fare. Per favore, smettete di fare giochi che non promuovono davvero la prevenzione», scrive Erin. Escludendo i carcinomi della cute, il tumore alla mammella è in assoluto il più diagnosticato nella popolazione italiana (14%) e, ovviamente, tra le donne (29%): secondo i dati dell'Airc, nel nostro Paese ne vengono diagnosticati ogni anno 50 mila nuovi casi. Dunque, prevenzione e diagnosi precoce sono fondamentali.

Ecco quali sono i 12 sintomi sui limoni individuati da Worldwide Breast Cancer:

Ispessimento cutaneo (Thick mass): l'ispessimento improvviso del tessuto del seno può essere dovuto a un carcinoma lobulare o a un carcinoma mammario infiammatorio.
Retrazione cutanea (Indentation): piccole 'ammaccature' nel seno possono essere dovute al cancro che, legato al tessuto mammario, lo tirano verso l'interno.
Lesioni cutanee (Skin soares): in alcuni casi il tumore che si sta sviluppando sottopelle può creare una ferita.
Arrossamento cutaneo o calore (Redness or heat): se il seno è caldo al tatto o arrossato su più di un terzo della superficie, può essere a causa di un carcinoma mammario infiammatorio.
Fuoriuscita di fluido (New fluid): la secrezione spontanea di fluido ematico dal capezzolo, può essere sintomo di tumore alla mammella.
Pelle increspata (Dimpling): una superificie cutanea irregolare è un segnale molto diffuso del carcinoma mammario infiammatorio.
Protuberanza (Bump): se si forma una sorta di bernoccolo, di escrescenza cutanea sul seno, meglio rivolgersi a uno specialista.
Vene dilatate(Growing vein): l'ingrossamento di una vena può essere dovuta al fatto che c'è un tumore che sta bloccando un vaso sanguigno.
Capezzolo retratto (Retracted nipple): lo sviluppo di un capezzolo retratto può suggerire la presenza di un grumo che lo sta 'tirando' verso l'interno della mammella.
Cambiamento della forma o della misura (New shape or size): ogni variazione che non sia riconducibile al ciclo mestruale deve far scattare il campanello di allarme.
Pelle a buccia d'arancia (Orange peel skin): la pelle butterata o con delle piccole creste può essere causata da un accumulo di liquido nella mammella.
Nodulo sottocutaneo (Hidden lump): i noduli cancerosi sono spesso duri e immobili, proprio come i semi dki un limone. E, purtroppo, non è sempre facile individuarli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso