21 Settembre Set 2016 1201 21 settembre 2016

Comodi e indignati (twittiamo per la pace)

Ogni 21 settembre, dal 1981, l'Onu celebra, con una giornata dedicata, l'unione tra i popoli invitando a riflettere sull'importanza di mettere fine ai conflitti. Twitter si mobilita.

  • ...
giornata internazionale pace

Mentre una parte del mondo vive nella sua bolla di serenità e centri commerciali, l'altra subisce sulla sua pelle il dramma dei conflitti internazionali che decimano un numero sempre maggiore di innocenti. La pace sembra un miraggio. Eppure è un bene fondamentale per l'umanità e riflettere sul suo rafforzamento è altrettanto importante. Per questo motivo, dal 1981, ogni 21 settembre l'Onu celebra, con una giornata dedicata, l'unione tra i popoli. E lo fa con un gesto di grande effetto: un cessate il fuoco globale di 24 ore. Un accordo che però sembra non essere stato raggiunto in uno dei territori più importanti e controversi: la Siria.

I FESTEGGIAMENTI
I festeggiamenti del 2016 sono iniziati con una settimana d'anticipo con il rintocco della Campana della Pace. Durante la celebrazione erano presenti Stevie Wonder, Leonardo DiCaprio e Michael Douglas. La giornata dedicata alla pace, poi, prevede in tutto il mondo eventi, incontri e momenti di meditazione (come il MedMob a Roma).

I TWEET DELLA PACE
Tutti  possono partecipare all'iniziativa facendo, a mezzogiorno, un minuto di silenzio. Tantissimi utenti del web hanno deciso di dare il loro contributo su Twitter, seguendo l'hashtag #internationaldayofpeace. E così il social si è riempito di aforismi, citazioni, fotografie, disegni. Tutto regolare, tutto come al solito. Sentirsi parte di qualcosa è ormai cosa facile per tutti. Da una parte, i bambini corrono cercando riparo tra le macerie. Nel migliore dei casi sopravvivono e perdono tutto, a partire dagli affetti. Dall'altra parte, e non per forza troppo lontano, noi twittiamo indignati e comodi davanti alle nostre scrivanie lisce e ordinate. Aspettando lo spritz delle 19.30.
Tweet riguardo #internationaldayofpeace

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso