7 Settembre Set 2016 1615 07 settembre 2016

Primo giorno? Niente paura

Il ritorno a scuola è sempre un po' 'traumatico' sia per i bambini che per i genitori. Ecco alcuni consigli per aiutare i piccoli studenti ad affrontare il nuovo anno nel modo giusto.

  • ...
scuola bambini

Le vacanze estive sono agli sgoccioli e l'inizio della scuola è imminente. Un momento dell'anno che può essere 'traumatico' sia per i genitori che per i bambini, soprattutto per quelli che vanno a scuola per la prima volta o frequentano un nuovo corso: il Telegraph ha così deciso di consultare alcuni esperti (psicologi, nutrizionisti, assistenti), per stilare una lista di consigli da offrire a tutti coloro che hanno bisogno di una 'guida' per affrontare il periodo in modo indolore.

FISSARE GLI OBIETTIVI
La prima cosa da fare è invitare i bambini a riflettere sull'ultimo anno scolastico. Parlare con loro per aiutarli a fare 'mente l0cale' su ciò che hanno imparato. Un buon modo per fagli ritrovare la concentrazione e motivarli prima di tornare in classe.

RIDURRE LE CHIACCHIERE
Importante è anche invitare i piccoli a incontrare i loro compagni prima dell'inizio dei corsi. Questo riduce il rischio di distrazioni il primo giorno di scuola.

INCORAGGIARE ALLA RESPONSABILITÀ
Per aiutarli a tenere a mente ed eseguire in modo ordinato i vari impegni può essere utile comprare una lavagna da appendere in camera da letto insieme a un calendario.

INTERESSARSI AI LORO STUDI
Chiedere ai bambini ogni giorno cosa hanno imparato a scuola è un ottimo modo per comunicare loro che si è coinvolti nei loro studi.

INCORAGGIARLI A INTRAPRENDERE UN HOBBY
Utile è anche aiutare i propri figli a scegliere un'attività che li soddisfa particolarmente (danza, musica, sport): coltivare un hobby può essere molto importante nella crescita.

GESTIRE IL TEMPO
Fatevi vedere pronti e preparati, i bambini tendono a imitare

PREPARARSI È IMPORTANTE
Prima del ritorno informatevi sulla scuola. Più sarete preparati voi, più lo sarà il vostro bambino.

FAMILIARIZZARE
Andate a scuola anche nei giorni che precedono l'apertura, per aiutare il bambino a 'familiarizzare' con l'ambiente.

IL VOSTRO PRIMO GIORNO
Parlate a vostro figlio del vostro primo giorno di scuola e di come avete superato le piccole difficoltà.

CREARE CONNESSIONE
Dategli un oggetto 'speciale' (un portachiavi, un libro): li tiene in connessione con voi e li fa sentire meno ansiosi.

IL PRANZO
Secondo la nutrizionista Claire Wall, è importante aggiungere al pranzo a sacco una bottiglietta d'acqua con del limone, per una pausa con un tocco 'fruttato'. L'esperta consiglia anche di abbondare con le verdure, coinvolgendoli nella preparazione: possono aiutarvi a tagliare i cetrioli, le carote, o i peperoni. Inoltre, è importante preparare pranzi sempre diversi. A partire da differenti tipi di pane, da riempire piuttosto che con prosciutto e formaggio, con filetti di pollo, manzo, tonno o salmone.

GESTIRE LO STUDIO
Lasciate al bambino la possibilità di organizzare i suoi studi e di scegliere come coniugarli agli hobby e agli amici. Lo fa sentire 'padrone' della situazione e lo responsabilizza.

RINFRESCATE LE VOSTRE CONOSCENZE
Rinfrescare le proprie abilità e conoscenze è un ottimo modo per aiutare e sostenere i bambini.

SE PER LORO È LA PRIMA VOLTA, SPIEGATE LE PAROLE
Quando vanno per la prima volta a scuola, i bambini si trovano davanti a tante nuove parole che non conoscono. Fare una lista e spiegare alcuni termini nuovi (registro, campanella, compiti) può essere utile.

SOCIALIZZARE
Importante è anche aiutare i bambini 'esordienti' a trovare il linguaggio giusto per socializzare, consigliando loro alcune buone frasi da utilizzare per fare nuove conoscenze (Come ti chiami? Ti piacciono i Pokémon? Posso giocare con te?).

GLI AMICI
Non preoccupatevi se il vostro bambino non ha un grande gruppo di amici ma si lega a uno soltanto. L'amicizia non è 'standard'. È importante, piuttosto, fargli capire come comportarsi con gli altri, in modo gentile e rispettoso, per creare empatia e condividere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso