30 Agosto Ago 2016 1104 30 agosto 2016

Shooting in famiglia

Fare belle foto ai vostri figli? Non è difficile, nemmeno se siete principianti. Basta adottare alcuni accorgimenti: luce giusta, ambientazione, oggetti da scegliere: i nostri consigli.

  • ...
Happy loving family.

Fotografare: per ricordare non c'è modo migliore. I nostri figli, soprattutto. I primi sorrisi, le prime pappe, i primi viaggi. Vorremmo catturare ogni loro singolo sguardo. Immortalarli da piccoli per poi riguardare a distanza di anni come sono cambiati è un 'vizio' di tutte le mamme.
Avere un bell'album di famiglia però non è così semplice, nel caso in cui i fotografi siate voi e non vogliate affidarvi a un professionista. Capita di accendere il pc e trovare immagini storte o tagliate, pessime luci, visi sfocati. Insomma, le foto delle riviste sono lontani anni luce dalle nostre. Come migliorare? Proviamo a darvi qualche consiglio.

SCEGLI LA LOCATION
Per prima cosa decidi l'ambientazione che preferisci per i tuoi scatti. Al chiuso o all'aperto? Luce artificiale o naturale sono molto diverse. Nel primo caso scegli una stanza ben illuminata con oggetti come sedie e giocattoli, nel secondo il set migliore è quello di un parco o un giardino. Più i bambini avranno spazio e e possibilità di muoversi, più saranno spontanei e divertiti. Ricorda che fare belle fotografie con poca luce è impossibile: in casa, per esempio, cerca quella delle finestre. Sfrutta il più possibile l’illuminazione naturale posizionando i bimbi nelle zone più luminose di casa.
Per quanto riguarda gli scatti all'aperto, invece, gli orari migliori sono l'alba e il tramonto. Invece la luce diretta è da evitare: crea ombre e fa strizzare gli occhi ai piccoli.

SFONDO E PUNTO DI VISTA
Anche lo sfondo è importante: in casa (in questo caso allestisci con oggetti d'arredo o giocattoli quello che preferisci) o all'aperto controlla sempre che non ci siano elementi di disturbo in secondo piano. Capita spesso infatti, rivedendo le foto, di scovare qualche turista in lontananza in spiaggia in quello scatto che ci piaceva tanto. Evitiamo soggetto e oggetti indesiderati facendo attenzione. Anche il punto di vista è molto importante: per un buon risultato mentre scatti abbassati fino a far arrivare la macchina fotografica all’altezza degli occhi dei tuoi bimbi. La regola (semplice) è questa: inquadra il soggetto, metti a fuoco, poi appena prima di scattare attira la sua attenzione.

FALLI DIVERTIRE
Un bambino deve prima di tutto essere felice di posare. Dobbiamo quindi rendere l'esperienza divertente e non che noiosa. Non chiedere però ai bambini di sorridere 'a comando': evita il 'cheese', le foto diventerebbero finte e forzate. Piuttosto cerca di interagire con loro per suscitargli le emozioni che vorresti catturare. Cerca di osservarli con pazienza, per catturare gesti spontanei, come una risata, uno sbadiglio o un'espressione buffa.

OGGETTI ALLEATI
Nel caso dobbiate fotografare bambini molto piccoli può essere utile usare ceste, coperte e cuscini (con la massima cautela).
Per quanto riguarda i più grandicelli invece, dargli un oggetto con cui relazionarsi renderà tutto più spontaneo: una bambola, un peluche, una macchinina. Ma anche un semplice fiore. L'importante è non esagerare: vietato riempire la scena con oggetti che distolgono l'attenzione dal protagonista, tuo figlio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso