22 Agosto Ago 2016 1849 22 agosto 2016

«Usa le tue parole per guarire e non per ferire»

Ecco il dolce messaggio di una mamma del Tennesse alla figlia 11enne che si appresta ad andare alle medie. «Le parole possono fare male usale con attenzione», le ha detto la donna in chiaro riferimento al fenomeno del bullismo scolastico.

  • ...
amy beth gardner

Quando si approda alle scuole medie ci si sente ormai uomini. Questo nonostante si abbia ancora l'età per giocare coi soldatini o le bambole. Sono anni difficili in cui alcuni ragazzini intraprendono strade tortuose lontano dagli insegnamenti dei genitori. Si legge in questo senso l'intervento preventivo di una mamma del Tennesse che ha provato a regalare un'ultimo grande insegnamento alla figlia.


IL CONSIGLIO
La sera precedente al suo primo giorno di scuola media, Amy Beth Gardner ha voluto dare qualcosa su cui riflettere alla figlia Breonna. La mamma ha così offerto un tubetto di dentifricio all'11enne invitandola a versare del prodotto su un atto. Una volta finito le ha chiesto di rimettere tutto il dentifricio nel tubetto. «Non ci riesco!», ha esclamato Breonna. «Non sarà mai come prima», ha aggiunto sconsolata. A quel punto Amy ha guardato negli occhi la figlia e le ha detto: «Ti ricorderai di questo piatto per il resto della tua vita. Le tue parole hanno il potere di vita o di morte. Quando andrai alla scuola media ti renderai conto di quanto peso abbiano. Avrai la possibilità di utilizzarle per ferire, umiliare e calunniare gli altri. Così come potrai utilizzarle per guarire, incoraggiare, ispirare e amare. Ogni tanto potrai fare la scelta sbagliata e, così come per il dentifricio, quando le parole avranno lasciato la tua bocca, non potrai riportarle indietro. Usale con attenzione, Breonna. Non rimpiangerai mai di aver scelto la gentilezza». Questo racconto è stato pubblicato anche su Facebook venendo condiviso in breve tempo oltre 700 mila volte da altre mamme che hanno voluto consegnare lo stesso messaggio di onestà ai propri figli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso