16 Agosto Ago 2016 1142 16 agosto 2016

Come ti acchiappo il salentino

A Gallipoli e dintorni la fauna maschile locale segue usanze particolari, che potrebbero sorprendere le vacanziere in cerca di flirt. Ecco la guida di AdottaUnRagazzo.it per arrivare preparate sulle spiagge.

  • ...
Samsara

Un tempo meta esclusiva di pochi, oggi uno dei gioielli segreti dell’Italia meridionale: il Salento, cosiddetto tacco dello stivale italiano, è esploso fino a diventare una delle mete top dell’estate 2016. Grazie a due mari (Adriatico e Ionio) da fare invidia a molte località più esotiche, a un patrimonio culturale di prim’ordine e a preziosi tesori enogastronomici. Non è quindi casuale che lì, a consacrare il tutto, questa estate sia apparsa anche Madonna. Non potendo approfittare della sua testimonianza diretta, ci siamo affidati ad AdottaUnRagazzo.it, la piattaforma web e app di incontri dove sono le donne a decidere, per sapere qualcosa di più su usi e costumi locali per quanto riguarda gli 'articoli al maschile'. E a farci da guida, questa volta, è la disincantata e «per nulla omologata» Gabriella, 28 anni e salentina doc, che ci ha dettato le regole dell’attrazione sulle spiagge di Gallipoli e dintorni.

GENTE DI MARE
I gallipolini, al posto del sangue, nelle vene hanno l’acqua di mare. Da maggio a novembre la loro seconda casa (anzi, la prima) è la spiaggia. Il loro mare è meraviglioso e amano sentirselo dire. D’altra parte anche tu sei lì apposta. E sarà, anche per te, amore a prima vista.

FUCSIA IS THE NEW BLACK
Abbiamo detto che i ragazzi di Gallipoli vivono in riva al mare. Per questo i vari stabilimenti balneari non sono semplicemente file infinite di ombrelloni e sedie a sdraio ma vere a proprie lounge, aperte dal mattino a notte fonda con ampie poltrone, divani e tavolini dai colori squillanti. Sappiti regolare: qui non si va in spiaggia per fare le sabbiature. Si va per guardare ed essere guardate.

LIKE A MADONNA
Abbiamo già detto che in spiaggia i colori sono elettrici come il blu dello Ionio. Abbiamo già detto che la spiaggia è uno struscio continuo. Vorrai mica presentarti con un bikini beige e zoccoli ortopedici? No, al mare qui si va in tenuta 'da battaglia'! E, quindi, via libera a trucco da red carpet, gioielli, costumi supertrendy e supersexy. Sperimenta. Osa e divertiti. Per fare la collegiale sobria avrai a disposizione tutte le sfumature di grigio dell’inverno in città.

LA VANITÀ È ANCHE DONNA
Se la tua idea di maschio mediterraneo ricorda il rude Gennarino Carunchio di Travolti da un insolito destino..., qui preparati a cambiare idea. I ragazzi salentini, e i gallipolini in particolare, passano molto più tempo allo specchio di te. Si sono scolpiti gli addominali per tutto l’inverno, si sono tappezzati la pelle con tatuaggi tribali dai significati esoterici, e, ora, tutti i giorni si spinzettano le sopracciglia, si depilano l’intero corpo e creano con il gel acconciature che sfidano le leggi della fisica. Quindi, al mattino, premurati di conquistare il bagno prima di lui.

LO SPECCHIO DELL'ANIMA
Gli occhi sono lo specchio dell’anima. I gallipolini lo sanno bene e, per questo, in spiaggia indossano occhiali da sole rigorosamente a specchio.  Per prendere il sole, ma anche per ballare o sorseggiare una delle meravigliose birre artigianali locali. Insomma, l’occhiale a specchio per i beach boys non è solo un accessorio: permette di guardare (a lungo e nel dettaglio) senza essere visti. E se, per caso, quando passi tu le lenti vengono abbassate un po’, il gioco è fatto.

SOTTO GLI OMBRELLONI
A Gallipoli in spiaggia non si va con un libro in mano e la targhetta Do not disturb. È infatti una festa continua che, con il passare delle ore, decolla in termini di tasso alcoolico, decibel e affollamento fino a trasformare grandi pezzi di lungomare in megadiscoteche a cielo aperto. Fai un salto allo Zeus Beach, al G Beach o al Samsara per rendertene conto. E per capire che per l’approccio serve l’attacco frontale. Il momento in cui un ragazzo abbassa  gli occhiali per te è cruciale: o lo agganci subito o le possibilità di incrociarlo nuovamente nella folla tendono allo zero assoluto.

FAMIGLIE ALLARGATE
I borghi sono piccoli e la gente mormora. Fai in modo che mormori bene di te. Tieni presente che qui ognuno è cugino, cognato o figlioccio di molti altri. Se non bastasse, i ragazzi si muovono in gruppo. Ecco, fai in modo di piacere anche alle varie 'formazioni sociali' a cui il fortunato prescelto appartiene. Ok, magari non sei qui per metterti l’anello al dito, ma anche per un flirt vacanziero, l’approvazione della di lui tribù è determinante.

LA CONCORRENZA È SPIETATA
Le ragazze salentine sono bellissime e sfoggiano corpi da urlo. Nonostante la tradizione locale preveda che si mangi tantissimo, sempre e benissimo. Tu, che magari non hai lo stesso metabolismo roboante, vacci piano col cibo. Oppure fregatene e goditi di tutto e di più. Sulle bellezze locali avrai comunque diversi punti di vantaggio, determinati dal fatto che la novità della stagione sei tu e non certo loro. Però, da loro, prendi il piglio aggressivo e diretto. Hai presente Emma, Alessandra Amoroso o Dolcenera? Sono tutte pantere salentine doc.

OH, L'AMOUR!
Forse il look dei ragazzi di Gallipoli non è raffinatissimo. Però sappi che hanno un cuore d’oro. E quando s’innamorano lo esplicitano senza riserve. Quindi togliti quell’aria da 'signorina Tumistufi' e lanciati serenamente nel vortice della passione. Poi certo, come tutti i ragazzi mediterranei, anche i salentini sono un po’ gelosi e alquanto orgogliosi. Ma in fondo ci sei abituata. Lo stereotipo è del sud, ma la vera realtà è la stessa ovunque. In ogni caso preparati assumendo quotidianamente dosi massicce di Negramaro. La band, non il vino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso