21 Luglio Lug 2016 1808 21 luglio 2016

Sbatti i «froci e pervertiti» in prima pagina

Il titolo choc comparso su Le Cronache di Salerno ha fatto il giro del web in poche ore. Nonostante le molte critiche ricevute il giornale non fa marcia indietro e rincara la dose.

  • ...
le cronache

«Froci e pervertiti violentano 17enne». Se l'obiettivo era quello di creare un titolo a effetto il quotidiano locale Le Cronache di Salerno certamente ha fatto centro. Carattere maiuscolo, prima pagina interamente occupata e messaggio forte. Anzi fortissimo, quasi assordante. Il riferimento è al dramma che ha colpito, qualche mese fa, un giovane del salernitano legato e stuprato in un centro massaggi di Cava. Un avvenimento choc, proprio come il messaggio apparso sul giornale. L'apertura de Le Cronache non è comunque passato inosservato e sui social la foto della prima pagina del quotidiano ha, in breve tempo, fatto il giro del Paese.

TITOLO AGGHIACCIANTE
Anche l'Ordine dei Giornalisti della Campania ha preso posizione definendo il titolo «agghiacciante». Il direttorede Le Cronache, però, non sembra voler fare un passo indietro: «Noi siamo per la castrazione chimica per queste persone siamo dalla parte dei ragazzi e ci auguriamo che in carcere venga applicata la giusta legge», ha scritto sul sito del quotidiano Tommaso D'Angelo. «Davanti a una squallida vicenda come quella di Cava, dove ci sono tanti giovani vittime dei due froci e pervertiti e dei loro complici che mi auguro vengano arrestati al più presto, Cronache assume una posizione forte e senza equivoci. Come abbiamo sempre fatto in ogni situazione in cui si chiedeva di scendere in campo», ha aggiunto. E sulla pagina Facebook del giornale molti utenti hanno attaccato la redazione e in particolare il suo direttore.

IL FATTO
Nonostante la violenza sessuale trattata in modo barbaro sulle pagine del giornale si fosse consumata in un centro massaggi di Cava de’ Tirreni (Salerno) nei mesi scorsi, solo martedì 19 luglio 2016 i carabinieri sono riusciti a scoprire gli stupratori. Da qui il titolo forte pensato da Le Cronache.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso