28 Giugno Giu 2016 1148 28 giugno 2016

Quello che gli uomini vogliono

Sui siti di dating online cercano una partner 'ambiziosa' più che 'rispettosa'. Quella 'dolce' piace come in passato, mentre essere 'divertente' non è più così importante. Lo dice una ricerca di eHarmony.

  • ...
dating online

Le parole sono importanti. Soprattutto quelle usate per descriversi su un sito di incontri. Secondo una ricerca di eHarmony, popolare sito di dating online, alcuni aggettivi sarebbero in grado di 'attirare' più del doppio di potenziali partner rispetto ad altri, perché la foto del profilo conta molto, ma alla fine non è tutto. Inoltre, il modo in cui ci descriviamo è importante perché indica in qualche modo anche le cose che riteniamo importanti in un partner.

Le donne e gli uomini cercano partner online usando parole chiave diverse.

CHI SALE E CHI SCENDE
La ricerca è stata effettuata su più di 12 mila profili ed ha evidenziato come, nel corso degli anni, cambino in modo significativo le parole chiave delle ricerche. Se gli uomini 'in forma' sono costantemente i più desiderati, ed è comunque sempre probabile che le donne cerchino uomini intelligenti e divertenti, o che almeno si siano descritti come tali, nel 2016 è stato registrato maggior interesse per i maschi 'sensibili' rispetto al passato. E, se oggi sempre più uomini cercano una partner 'ambiziosa', nel 2014 in testa alla classifica delle parole chiave c'era 'dolce'. Piace poi sempre di più la donna 'lavoratrice': la parola è infatti salita dal nono al quarto posto tra quelle più ricercate. Invece, entrambi i sessi non sembrano più molto interessati ad un partner 'divertente', visto che l'aggettivo è uscito dalle rispettive top ten. Ecco le migliori e le peggiori parole per descriverci su un sito di dating.

MIGLIORI DIECI: Ambiziosa – Sensibile – Dolce – Grande lavoratrice – Riflessiva – In forma – Creativa – Razionale – Spontanea - Energica

PEGGIORI CINQUE: Calma – Spirituale – Rispettosa – Buona ascoltatrice – Attenta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso