27 Giugno Giu 2016 1746 27 giugno 2016

Giappone, è tacco 12 mania

Nel Paese del Sol Levante è boom di iscrizioni ai corsi che insegnano a camminare con le scarpe alte. Necessari, sembra, per rimediare a secoli di 'cultura del kimono'.

  • ...
giappone tacco

Le giapponesi dovrebbero dire addio sneakers e ballerine per puntare tutto sui tacchi alti. Il consiglio era un po' di parte, visto che era arrivato dalla Japan High Heel Association ('Associazione Giapponese del Tacco Alto', appunto), ma molte ragazze lo stanno già seguendo, prendendo parte a corsi di postura e andatura che possono costare diverse migliaia di euro, organizzati proprio dalla Jhha. D'altra parte, come spiega la manager 'Madame' Yumiko, «le donne giapponesi camminano come papere. Ondeggiano, come se avessero il metatarso varo, con il sedere in fuori come se stessero per andare in bagno. Orribile». E invece, sempre secondo la Japan High Heel Association, donne più alte avrebbero maggior fiducia in loro stesse e, inoltre, un bel tacco 12 darebbe benefici all'andatura.

CORSI MOLTO COSTOSI
Per 'Madame' Yumiko, la colpa è tutta della 'cultura del kimono', che per secoli (se non millenni) ha abituato i giapponesi a indossare solo sandali. A suo dire, le donne cinesi e coreane, nonostante evidenti somiglianze fisiche, camminerebbero invece in modo corretto: «Ma oggi pochi giapponesi indossano il kimono. Dovremmo imparare dalle Occidentali a camminare con i tacchi». Le frasi sono state accusate di sessismo in un Paese in cui fino a poco tempo fa la donna doveva camminare per rispetto tre passi indietro rispetto al suo uomo, ma 'Madame' Yumiko la pensa al contrario: «Molte donne sono troppo timide per esprimere loro stesse. Nella cultura giapponese le donne non si mettono spesso al primo posto». Ma le cose stanno cambiando: i corsi organizzati dalla Jhha vanno a gonfie vele, nonostante i prezzi salati. Sei mesi di lezione costano più o meno 3600 euro e a frequentarli sono circa 4 mila ragazze. A cui si vanno ad aggiungere tutte le altre che hanno optato per corsi meno costosi proposti da altre associazioni. Circostanza molto curiosa, considerando che, al contrario, in Occidente il rifiuto della dittatura del tacco alto è una delle principali istanze del femminismo odierno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso