9 Giugno Giu 2016 2021 09 giugno 2016

Il futuro di Youtube? Si chiama Blasteem

È una nuova piattaforma italiana dove solo le webstar (60 di loro hanno aderito) potranno caricare i loro contenuti, mentre la fruizione sarà aperta a tutti: l'ultimo progetto dei talenti della Rete.

  • ...
favy

C'era una volta YouTube. I youtuber più acclamati ora voltano le spalle alla piattaforma di successo per aderire a una nuova realtà italiana per cui produrranno sempre contenuti, ma in esclusiva: si chiama Blasteem, che ora raccoglie oltre 60 «scissionisti» che hanno deciso di partecipare al progetto, con un seguito totale di utenti che tocca i 20 milioni.

APERTO ALLE WEBSTAR
«A differenza di YouTube, Blasteem sarà una piattaforma chiusa: solo le webstar potranno caricare i loro contenuti, mentre la fruizione invece sarà ovviamente aperta a tutti», ha spiegato al Corriere della Sera Corrado Camilla, amministratore delegato di Showlab, azienda che da 15 anni si occupa di produzioni per tivù e web. «Qui i talenti della Rete potranno mettere in piedi iniziative più progettuali e lasciate meno alla libera iniziativa individuale. Avranno a disposizione studi di registrazione, teatri di posa, sale montaggio, personale specializzato».
Favij è il nome tra il gruppo che raccoglie più consensi, con i suoi 2 milioni e 600 mila iscritti al canale. Ma ci sono anche i Mates (St3pny, Surreal Power, Vegas, Anima), i Melagodo (Gabbo, Dread, Just Rohn, Johnny Creek, Zamp), Alberico De Giglio e Il Pancio.
1600 metri quadri di studi, realizzati in via Watt a Milano diventano lo spazio non virtuale, ma fisico, di Blasteem: «Sarà il luogo dove pensare, produrre e finalizzare i loro video, ma soprattutto incontrarsi, conoscersi, contaminarsi. Uscire, insomma, dalle camerette nelle quali gran parte di loro hanno iniziato la loro avventura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso