6 Giugno Giu 2016 1856 06 giugno 2016

I parcheggi rosa? Teneteveli

In Cina sono stati realizzati per aiutare le donne ritenute incapaci alla guida. Peccato che i dati contraddicano il famoso detto «Donne al volante, pericolo costante»: siamo più prudenti e causiamo meno sinistri. L'ennesimo stereotipo di cui siamo stufe.

  • ...
parcheggi_donne_cina

Sono candidamente colorati di rosa, belli larghi (il 30% in più degli altri), e sopra hanno la scritta «rispettosamente riservati alle donne». Sono i parcheggi per il gentil sesso realizzati in Cina, in un’area di servizio di Tonglu. E non sono i primi nel mondo.
Dopo l'assurda trovata sessista, le polemiche non si sono fatte attendere: le nuove strisce rosa hanno suscitato molte critiche su Sina Weibo, la versione cinese di Twitter. Ma il direttore dell'area di servizio ha risposto che tale limitazione è stata istituita per sostenere le donne che hanno problemi a parcheggiare in retromarcia. «Le donne eviteranno di graffiare le altre macchine facendo manovra all’interno del parcheggio», si è giustificato.

SOLO UNO STEREOTIPO 
La vicenda è raccontata dal sito americano Quartz che ha riportato anche le proteste seguite alla bizzarra scelta del manager cinese. Mentre alcuni utenti hanno scritto che «il vero rispetto per le donne sarebbe quello di dare loro gli stessi diritti che hanno gli uomini», mentre altri hanno sminuito la gaffe affermando che «non si tratta di discriminazione, se la ritieni tale puoi semplicemente parcheggiare nei posti normali». Come possiamo credere che una trovata del genere, per di più nel 2016, non sia niente di meno di una discriminazione maschilista? Soprattutto perché basata sul nulla: diversi studi hanno dimostrato che il famoso (e vecchissimo) detto popolare «Donne al volante, pericolo costante» è appunto solo un detto. L'ennesimo stereotipo cucito sul mondo femminile, preso per vero e spesso rilanciato per sottolineare un'inferiorità di genere.

COSA DICONO I DATI?
Uno studio dell’Iranian Journal of Public Health in Cina ha infatti dimostrato che il tasso di mortalità per incidenti stradali è tre volte superiore per gli uomini che per le donne. Negli Stati Uniti, invece, le donne sono considerate le guidatrici più sicure: sono coinvolte in meno incidenti, causano meno infrazioni e prendono meno multe degli uomini.
Un detto smentito anche nel nostro Paese, dai dati che la compagnia di assicurazioni Direct Line ha raccolto e pubblicato. In Italia, secondo questa ricerca, il 60% delle automobiliste non è mai rimasto coinvolto in incidenti.  E il gentil sesso causerebbe il 15% di incidenti stradali in meno rispetto agli uomini. Dati che purtroppo non bastano a spazzare via questi tristi quanto antichi cliché maschilisti. Non solo non siamo sceme, siamo anche più attente prudenti: i parcheggi con il simbolino rosa ve li lasciamo volentieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso