19 Maggio Mag 2016 1427 19 maggio 2016

Prendiamoci di petto

Scegliere il reggiseno? Non è sempre così facile. Conoscere la propria taglia non basta. Bisogna fare attenzione anche alla struttura. Sono sette le forme principali: a ciascuna di queste, la sua coppa.

  • ...
ThinkstockPhotos-468119471

Sembra assurdo, ma là fuori ci sono donne che non sanno di dover scegliere il proprio reggiseno non solo in base alla taglia, ma anche in base alla coppa. E, a volte, nemmeno questi due dati bastano per azzeccare il reggiseno giusto: troppo stretto, troppo largo, non sostiene, non pusha o pusha troppo. Ma niente paura: vi aiutiamo noi. Anche se non è mai bene generalizzare, il brand ThirdLove ha identificato sette forme prevalenti all'interno del variegato mondo dei seni. E, per ognuno di questi, c'è un modello consigliato. Scopriamoli.

ROTONDO
Pieno alla base e alle sommità, è il seno perfetto. Beata chi ce l'ha. Se non l'avete, non pensate che un po' di grasso in più possa aiutarvi. La ciccia è molle, il tessuto del seno è più sodo. Al tatto, la differenza si sente. Tagliando corto, le avete rotonde? Si consiglia il reggiseno con ferretto e bretelline larghe se cercate sostegno, mentre un plunge è perfetto per una scollatura un po' più profonda.

ASIMMETRICO
Una più grande, l'altra più piccola. Oppure, una più soda, l'altra più rilassata. Condizione piuttosto comune, secondo gli esperti. Non è un caso che vengano chiamate spesso 'sorelle', invece che 'gemelle'. Solitamente è il seno sinistro ad essere più grande, perché più vicino al cuore e quindi più irrorato di sangue a causa di un maggior numero di vene e arterie. La misura del reggiseno va ovviamente presa sulla tetta più grande. Ideali quelli con imbottitura piatta e rimuovibile.

DIVISE
Le vostre sorelle non amano stare troppo vicine. Tradotto: avete un ampio spazio tra i due seni, abbastanza largo da poterci poggiare tre dita affiancate. Il reggiseno deve avere un ferretto che si adatti alla loro linea, mentre le coppe devono riavvicinare i seni. Esistono alcuni modelli con vertiginosa scollatura a U che assolvono alla perfezione a questa funzione.

A CAMPANA
Magre in cima, piene alla base. E un po' cadenti, ahinoi. Sarà l'età, saranno gli ormoni, sarà la gravità. Optate per un reggiseno dal ferretto circolare che ridia una forma rotonda ai seni.

PICCOLE
O addirittura piatte. Ma si sa, quando distribuivano le tette voi eravate in fila per il cervello. Gioite: siete meno inclini a sviluppare il diabete di tipo 2. Inoltre è relativamente semplice mentire sulla vostra taglia con il reggiseno giusto: andate di push-up, e sarete perfette. A seconda dell'imbottitura, potete guadagnare addirittura due taglie. Però attente: il lui di turno potrebbe sentirsi tradito e raggirato, una volta giunto al clou.

DIVERGENTI
Un capezzolo guarda di là, l'altro guarda di qua. I produttori di reggiseni cercano sempre di tenere conto della posizione del capezzolo, quando danno vita alle loro creazioni. Ma non tutti i capezzoli sono uguali, specie nel caso di seni divergenti. Potete rimediare con reggiseni più rigidi e modellanti, che spingono i seni uno contro l'altro e danno vita a un'ampia scollatura.

A GOCCIA
Alcune di voi potrebbero avere un seno che tende naturalmente verso il basso da sempre, fin da quando eravate giovani (magari lo siete ancora). È una questione di genetica e legamenti: qualcuna li ha più forti, altre donne meno. In questo caso la scelta ideale cade su un reggiseno plunge con uno scollo più profondo e delle coppe che sollevano i seni verso l'alto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso