3 Maggio Mag 2016 1621 03 maggio 2016

Il Trono di Roma

Un video ironizza sulla corsa al Campidoglio, paragonandola alle vicende di Game of Thrones. Virginia Raggi diventa Daenerys Targaryen e Alfio Marchini prende il posto di Petyr Baelish. Ma il filmato non risparmia nessuno.

  • ...
Game of Rome

Da Game of Thrones a Game of Rome. La pagina Facebook Il Gruppo Misto ha pubblicato un video che scherza sulle somiglianze tra le lotte tra casate descritte nei libri di George R. R. Martin, da cui è stata tratta una delle serie tivù più amate degli ultimi anni, e la 'battaglia' per il Campidoglio, appena iniziata nella Capitale.

TUTTI I PROTAGONISTI
Il primo personaggio introdotto è Ned Stark/Ignazio Marino, «un uomo che non temeva i poteri forti perché non li capiva», seguito da Petyr Baelish/Alfio Marchini, «un imprenditore che mira al Palazzo dopo mille palazzine». «Una donna del popolo si prepara allo scontro a colpi di scontrini» è invece la frase scelta per descrivere Virgina Raggi, nei 'panni' di Daenerys Targaryen. E così, Jaquen H'ghar, devoto al Dio dei Mille volti, non può che diventare Roberto Giachetti, «un servo di una forza oscura che ci mette la faccia anche se nessuno se la ricorda». Accostando Brienne di Tarth e Cersei Lannister, Giorgia Meloni è descritta come «una donna violenta pronta a cambiare con Photoshop». Mario Adinolfi, paragonato al personaggio di Hodor, è invece «un grosso rimbambito monotematico ma buono a nulla». Manca qualcuno? Sì, Stannis Baratheon/Guido Bertolaso, che però non parteciperà alla 'battaglia': «un uomo che si ritira e leva le tende, ma a L'Aquila ci sono ancora». A intervallare le varie scene ci sono riprese aeree della Capitale, sulla falsariga della vera sigla di Game of Thrones, di cui «Winter is Coming» è una della frasi simbolo. A Roma invece l'inverno è appena finito: è ora di combattere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso