6 Aprile Apr 2016 1848 06 aprile 2016

Orgasmo, che fatica

Una ricerca ha evidenziato che la capacità di raggiungere il piacere durante un rapporto dipende da questioni anatomiche. Non riuscite ad 'arrivare'? Non è colpa di nessuno.

  • ...
ThinkstockPhotos-509194918

È pensiero comune che la capacità di raggiungere l'orgasmo durante un rapporto sessuale sia sotto il controllo delle persone. Per molti dipende dalla fiducia, dall'apertura e dalla capacità di fidarsi dell'altro. Altri affermano che conditio sine qua non siano le dimensioni e la potenza sessuale dell'uomo coinvolto nell'atto. Così, se il culmine del piacere non arriva, spesso ci si sente in colpa («Cosa ho che non va?»).

QUESTIONI ANATOMICHE
Secondo quanto riportato dal DailyMail, invece, gli scienziati della Mayo Clinic e dell'Indiana University School of Medicine hanno scoperto che la 'capacità' di un individuo di raggiungere l'orgasmo dipende in gran parte da questioni anatomiche, e quindi completamente svincolate dal controllo personale.

ORGASMO MASCHILE
Per gli uomini, è importante che ci sia una buona connessione di 'segnali' tra cervello, midollo spinale e pene (lesioni del midollo possono influenzare questo contatto, impedendo agli uomini di ricevere i giusti impulsi). Molto importante il fattore psicologico che, in genere, crea i maggiori problemi: se un uomo ha problemi di erezione, la prima cosa da fare è andare da un medico per cercare di individuare se si tratta di un disturbo fisico o 'mentale'.

PIACERE FEMMINILE
Secondo lo studio, per le donne le cose sono ancora più complicate. Tutto dipende dallo spostamento del clitoride durante il rapporto: più si avvicina alla parete vaginale, più è possibile raggiungere il piacere. In generale la posizione migliore in questo senso sembrerebbe essere la classica pecorina. Ma forse non basta. Alcune ricerche, infatti, in passato, hanno provato ad analizzare al microscopio la parete vaginale per vedere se c'è una posizione 'standard' dei fasci nervosi, senza trovare nessuna coerenza di caso in caso. Quindi, le angolazioni giuste variano di conformazione in conformazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso