15 Marzo Mar 2016 1745 15 marzo 2016

Un fiocco lilla contro i disturbi alimentari

Circa tre milioni di italiani soffrono di patologie come anoressia e bulimia. L'associazione Mi Nutro Di Vita promuove una giornata nazionale per sensibilizzare genitori e adolescenti sul tema.

  • ...
fiocchetto-lilla

Quando è morta, Giulia Tavilla aveva solo 17 anni. Era il 15 marzo 2011. Soffriva di bulimia. Esattamente cinque anni dopo si celebra la quarta Giornata nazionale del fiocchetto lilla, istituita in sua memoria dall'associazione Mi Nutro Di Vita fondata dal padre, Stefano, e dedicata ai disturbi del comportamento alimentare. La campagna è promossa anche sui social con l'hashtag #coloriamocidililla, un invito che è stato accolto da diverse città italiane che hanno aderito all'iniziativa illuminando con luci color lilla diverse fontane sparse per tutta la Penisola.

LE CAUSE EMOTIVE
L'iniziativa, purtroppo, è attuale e necessaria. L'anoressia colpisce soprattutto gli adolescenti, e se una volta sembrava colpire solo il genere femminile, di recente sono sempre di più i giovani maschi che sviluppano questo disturbo psichiatrico. Che presenta un tasso di mortalità che va dall'1,8% per chi ne è colpito in età infantile fino addirittura al 10% di chi è in età adulta. L'attenzione di medici e specialisti che cercano di curare, se non prevenire, l'anoressia, è sempre più incentrata non solo sul mero aspetto alimentare ma anche sulle cause emotive scatenanti, che possono essere influenzate da ragioni genetiche o ambientali.

AGIRE SUBITO
Come spiega la dottoressa Valeria zanna a La Stampa, bisogna prestare attenzione ai segnali sospetti fin dalla più tenera età, visto che in alcuni casi ci sono anche bambine di 8 o 9 anni che razionano i pasti contando le calorie. Ma, proprio grazie all'elasticità della psiche infantile, combattere il disturbo in queste fasi presenta percentuali di successo maggiori. Grazie anche a nuovi sistemi diagnostici, come quello automatizzato tramite le neuroimmagini, capace di individuare le aree cerebrali colpite da questi disordini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso