4 Marzo Mar 2016 1900 04 marzo 2016

Imparo a difendermi coi video

Per combattere la violenza sulle donne, il Cus di Torino ha deciso di diffondere su YouTube dei filmati che mostrano come affrontare i tentativi di aggressione di un malintenzionato.

  • ...
autodifesa

Secondo i dati dell'Istat del 2014, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni hanno subito violenza nella loro vita. La violenza sulle donne è un vero e proprio problema sociale che va combattuto su tutti i livelli. È questo che sta cercando di fare il Cus di Torino, che per l'iniziativa Just the woman I am, una corsa che si terrà nella città piemontese il 6 marzo, ha realizzato una serie di video per la campagna Un pugno di sorrisi. L'obiettivo è quello di far avvicinare più donne possibili alla difesa personale, dimostrando che non serve una particolare preparazione per affrontare queste situazioni. In ognuno dei cinque video previsti dalla campagna alcuni protagonisti dello sport forniscono consigli e dimostrazioni pratiche per difendersi in situazioni di pericolo.

PRIMO EPISODIO

Nel primo episodio Giada Russo, campionessa italiana di pattinaggio artistico su ghiaccio, e Savio Loria, allenatore della Nazionale Senior di Karate, forniranno consigli su come mantenere le distanze da un possibile aggressore.

SECONDO EPISODIO 

Costanza Coen, cestista di serie A della Pallacanestro Torino, e Alessandro Bruyere, atleta di judo Fiamme Azzurre, spiegano come difendersi da un aggressore che prende la vittima per i polsi.

TERZO EPISODIO

Eleonora D'Elicio, atleta del salto triplo che si sta preparando per i Mondiali di Rio, e Alessandro Saglietti, 16 volte campione italiano di lotta. I due sportivi mostrano in due minuti come rispondere ad un'aggressione al collo con due mani.

QUARTO EPISODIO

Daniela Gobbo, pallavolista e capitano del Collegno Volley Cus Torino, e Roberto Cocco, campione pluridecorato di thai-boxe e kick-boxing, mostrano come affrontare un'aggressione al collo compiuta da un aggressore alle spalle.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso