22 Dicembre Dic 2015 1233 22 dicembre 2015

Una tata a portata di clic

Le feste di Natale coincidono con la chiusura delle scuole. Ma se i genitori lavorano, chi bada ai figli più piccoli? Ecco cinque siti web dove cercare una baby sitter. Anche quando il tempo stringe.

  • ...
babysitter

Chiuso per festività natalizie: la maggior parte di nido, asili e scuole chiude per Natale da mercoledì 23 dicembre per riaprire a gennaio, dopo l’Epifania. Feste gioiose, certo, ma anche un bel rebus per i genitori che devono incastrare la gestione dei figli piccoli con le esigenze lavorative. È questo uno dei momenti dell’anno in cui i siti web di servizi dedicati alla prima infanzia registrano un boom di visite: se prima il passaparola tra mamme al parco era fondamentale, oggi basta un veloce clic per selezionare il profilo di un’educatrice adeguata, avere il suo contatto, verificarne referenze e capacità. Fino a pochi anni fa si trattava di portali costruiti come semplici database, ora invece i genitori possono navigare su piattaforme sempre più ricche e dettagliate. Letteradonna.it ne ha selezionate alcune in base alle vostre esigenze.

ACCURATEZZA
Jules Van Bruggen, libero professionista e padre olandese, non riusciva a trovare una baby sitter che si occupasse dei suoi bambini dopo l’asilo mentre lui era al lavoro. Così ha avuto l’intuizione di creare un primo portale dove la domanda dei genitori (il giorno e l’orario) incrociasse le disponibilità di tate o baby sitter in zona. Era il 2009: oggi il portale olandese si è diffuso in mezza Europa e, da un paio d’anni, anche nel nostro Paese: Sitter-italia.it ha circa 220mila membri, tutti alla ricerca di una moderna Mary Poppins. Il plus? Permette di selezionare una persona fidata nella medesima zona abitativa della famiglia, grazie a un motore di ricerca che utilizza il codice di avviamento postale.

TEMPESTIVITÀ
La babysitter è andata via all’improvviso? La tata torna per un mese al suo Paese per le feste? Il bimbo ha la febbre e voi dovete scappare al lavoro? Trovare una persona referenziata che possa prendersi cura dei vostri piccoli con un breve preavviso è possibile grazie a Mytata.com. Il sito offre ai genitori l’elenco delle educatrici più vicine nell’arco di 5 chilometri e una scheda dove sono indicati, oltre alla foto, l’età della babysitter, il tipo di competenza (ad esempio, se è esperta nella cura di neonati), le lingue che parla, la disponibilità oraria.

SENZA COSTI AGGIUNTIVI
Molti siti di ricerca e selezione di personale educativo per la prima infanzia richiedono un’iscrizione a pagamento, ma esistono anche portali gratuiti, con un ampio database di contatti in tutta Italia: uno di questi è Bakeca.it (selezionare come categoria 'babysitter-colf-assistenza') oppure Sitter Village. La distribuzione territoriale è discreta, ma mancano feedback di genitori che hanno usato il servizio.

NON SOLO BABY SITTER
Se per esigenze lavorative si cercano figure professionali più flessibili, ad esempio dei tutor per aiutare nei compiti, pet sitter perché in casa ci sono anche animali domestici da seguire o se è necessario anche un sostegno per la gestione della casa, sono nati portali più ampi come Sitterlandia.it, con profili professionali adatti anche a chi ha esigenze più complesse.

PER LE PIÙ ESIGENTI
Non cercate una semplice baby-sitter ma volete una nanny inglese e super referenziata oppure un educatore madrelingua che faccia da tutor esperto ai vostri figli più grandi? Il miglior sito è quello ideato da Paola Diana, con uffici a Londra, Milano e Roma. La sua Nanny & Butler seleziona le tate più qualificate in circolazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso