16 Ottobre Ott 2015 1204 16 ottobre 2015

I parenti di Loris stipendiati da Mediaset?

Nell'informativa della polizia sul delitto di Ragusa spuntano le intercettazioni della madre e della sorella di Veronica Panarello e il prezzario per le loro interviste televisive.

  • ...
loris

L'informativa della polizia Stato e dei carabinieri di Ragusa, agli atti dell'avviso di conclusione indagini della procura sulla morte del piccolo Loris Stival, per cui è indagata la madre Veronica Panarello,  ha ricostruito i rapporti tra media e familiari della donna. Da cui sono emerse dinamiche agghiaccianti. Secondo gli investigatori, infatti, alcune partecipazioni a trasmissioni televisive «avrebbero un fine economico», ma anche quello di «convincere l'opinione pubblica dell'innocenza di Veronica», oltre a «un presenzialismo marcato» di qualcuno degli invitati. «Gli stessi» - si legge tra l'altro nell'informativa - «appaiono più interessati a conquistare il giudizio popolare attraverso i media che, piuttosto, proporre al giudice competente le tanto asserite prove tramite le quali Veronica potrebbe essere scagionata».

INTERVISTE DA 3.500 EURO
Nel mirino ci sarebbero le reti Mediaset, che avrebbero offerto 3.500 euro a intervista e 2 mila euro per la presenza dei familiari del bambino a Domenica Live, come riporta il quotidiano La Repubblica. C'è di tutto nel prezziario che soprattutto le reti Mediaset avevano approntato per assicurarsi la presenza dei familiari di Veronica Panarello in tutte le trasmissioni del gruppo. Polizia e carabinieri che che hanno intercettato i familiari della giovane mamma, accusata di aver ucciso il piccolo Loris, hanno ascoltato anche le conversazioni tra la mamma e la sorella della donna e la conduttrice Barbara D'Urso, oltre ad altri redattori dei programmi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso