21 Settembre Set 2015 1856 21 settembre 2015

«Io non mi vergogno, e voi?»

La deputata disabile Laura Coccia pubblica su Facebook una foto in bikini mostrando le proprie cicatrici. Per dire alle adolescenti: «Non inseguite i modelli di bellezza stereotipati».

  • ...
laura coccia

Un messaggio in bikini e le cicatrici in vista contro gli stereotipi di bellezza. Per dire che la disabilità non dev'essere un limite.
«A te ragazza più o meno adolescente che guardandoti allo specchio vedi un corpo con milioni di difetti. A voi che pensate di non poter reggere il confronto con i modelli di donna stereotipata e con i tacchi a spillo sappiate che anche 'bella' è solo un aggettivo e anche soggettivo, non c'è mai nulla di cui vergognarsi nel proprio fisico!». Lo scrive su Facebook Laura Coccia, ex atleta disabile deputata del Partito democratico che sulla sua pagina Facebook ha voluto mostrare delle immagini di se stessa con l'obiettivo di mandare un messaggio alle giovani che si vergognano del proprio corpo.

IL SUCCESSO SPORTIVO A 13 ANNI
Coccia è stata la prima ragazza disabile che nel 1999 all'età di 13 anni ha corso la finale nazionale dei 400 metri piani ai Giochi della Gioventù, come gli altri atleti normodotati. «Ho una tetraparesi spastica: non mi posso nascondere, basta che mi alzi in piedi per vederla. Ma ho capito che mettendomi top e pantaloncini, scoprendo le mie cicatrici e correndo davanti a tante persone in uno stadio, potevo andare oltre i miei limiti», ha raccontato a Repubblica dopo aver pubblicato il post.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso