10 Settembre Set 2015 1248 10 settembre 2015

Iscritto a Ashley Madison, si suicida

Il pastore battista John Gibson si è tolto la vita dopo che i dati del popolare sito di tradimenti sono stati diffusi sul web a opera di alcuni hacker.

  • ...
gibson-family

Sta avendo ripercussioni pesantissime l'hacking ai danni di Ashley Madison, il sito web specializzato in tradimenti che ha visto i dati personali dei suoi utenti divulgati sul web intero. Si allunga, infatti, la lista dei suicidi che non hanno retto alla pubblica gogna: dopo il poliziotto Michael Gorhum e Donald Bradshaw, anche il pastore battista John Gibson si è tolto la vita.

LA MOGLIE L'AVREBBE PERDONATO
Sposato e padre di famiglia, l'uomo ha lasciato una lettera di addio in cui chiedeva perdono e esprimeva grandissime preoccupazione per l'imminente perdita del lavoro. A trovare la lettera è stata la moglie Christi, che intervistata dalla CNN ha rivelato: «Non avrebbe potuto fare niente di tanto cattivo da non avere il nostro perdono».

IL RICORDO DELLA COMUNITÀ
Il suicidio di John ha colpito anche la comunità di cui faceva parte, e ha spinto Chuck Kelley, presidente del Seminario di cui Gibson faceva parte, a spendere qualche parola per lui: «Era noto in particolare per i suoi atti di gentilezza. Rappresentava la quintessenza del buon vicino».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso