7 Agosto Ago 2015 1537 07 agosto 2015

Il candidato è sessista

Donald Trump vuole vincere le elezioni presidenziali statunitensi del 2016. Gli americani voteranno davvero un uomo che si rivolge alle donne con i peggiori epiteti? Ecco cinque delle sue peggiori dichiarazioni.

  • ...
<<enter caption here>> on August 6, 2015 in Cleveland, Ohio.

Il 6 agosto si è ufficialmente aperta negli Stati Uniti la corsa repubblicana per la candidatura alle elezioni presidenziali del 2016. Tra i vari candidati che hanno partecipato al dibattito condotto da Bret Baer e Megyn Kelly, il vero protagonista si è rivelato il magnate Donald Trump, che con le sue uscite spesso arroganti ha offuscato i politici presenti. E quando Megyn Kelly ha chiesto conto delle dichiarazioni sessiste che contraddistinguono buona parte dei discorsi del businessman, Trump ha prima cercato di sminuire l'entità delle proprie dichiarazioni, per poi passare a delle velate minacce di fronte all'incalzare della conduttrice: «Megyn, se non ti piace quello che dico, mi dispiace. Sono stato molto gentile con te, anche se probabilmente non dovrei più esserlo, visto come mi stai trattando». Ma Megyn aveva ragione, le dichiarazioni di Donald Trump sono sessiste. Bustle.com ne ha selezionate cinque.

DONNE E OGGETTI
«La bellezza e l'eleganza, che siano in una donna, un edificio o un'opera d'arte, non sono solo cose superficiali o belle da vedere e basta». L'ha scritto in un suo libro. Evidentemente, per Trump le donne sono assimilabili a degli oggetti inanimati.

INSINUAZIONI
In una puntata di Celebrity Apprentice, Donald Trump, nel discutere insieme ai suoi due collaboratori su chi meritasse di rimanere in gara, si è così riferito a una ex coniglietta di Playboy che secondo un co-conduttore l'aveva implorato in ginocchio di non essere eliminata: «Davvero ti sei messa in ginocchio? Deve essere un bello spettacolo vederti in ginocchio». L'allusione sessuale è ovvia.

MERITOCRAZIA A LA TRUMP
Sempre durante The Apprentice, Donald Trump ha esplicitato quale sia il suo modello ideale di collega donna: giovane, sexy e aperta al business.

L'OMBRA DELL'INCESTO
Nemmeno la figlia Ivanka è al sicuro dai commenti del padre, che su di lei ha detto: «È un bel figurino. Se non fosse mia figlia, le chiederei un appuntamento».

BRUTTA E GRASSA
Nel 2006 Rosie O'Donnell criticò Donald Trump per il suo supporto a Tara Conner, reginetta di bellezza del concorso Miss USA gestito da Trump stesso. La ragazza era rimasta coinvolta in uno scandalo a base di droga e alcol. Trump rispose così alle critiche della O'Donnell: «Rosie O'Donnell è disgustosa, dentro e fuori. Guardatela, è una balorda. Come ha fatto a finire in televisione? Fosse per me, la licenzierei. La guarderei dritto in quella faccia brutta e grassa che si ritrova e le direi 'Rosie, sei licenziata'. Siamo tutti un po' cicciottelli ma Rosie è peggio di tutti noi. Ma non è tanto la ciccia, il fatto è che Rosie è davvero poco attraente, sia dentro che fuori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso