1 Luglio Lug 2015 1622 01 luglio 2015

La campagna per non discriminare gli uomini fa discutere

L'iniziativa #DontMancriminate del sito indiano Maggcom è finita nel mirino dei social per frasi inopportune.

  • ...
sofair

La campagna social #DontMancriminate, per non discriminare gli uomini, sta assumendo sempre più le sembianze di un fenomeno virale. Ma in negativo. Lanciata dal sito indiano Maggcom, sostenitore del movimento maschile opposto al femminismo, l'iniziativa sta facendo soprattutto discutere per alcuni slogan tutt'altro che gradevoli.

I VOLTI NON HANNO MAI ADERITO
Su ogni poster pubblicato da Maggcom, infatti, campeggiano motti quali «Quando tu mi schiaffeggi è perchè sono nel torto, quando io ti schiaffeggio ho problemi di rabbia», oppure «Se una donna perde il lavoro è a causa del sessismo, se un uomo perde il lavoro è perchè è un perdente». Ogni messaggio è stampato sulla foto di una celebrità come Shiloh Fernandez, Elijah Wood, Johnny Depp o Jude Law che però non hanno mai apertamente sostenuto la campagna.


LE MOTIVAZIONI DI #DONTMANCRIMINATE
Il manifesto del sito recita: «Quando le donne dicono di volere la parità fra i sessi, contemporaneamente si aspettano gesti di cavalleria. Vogliamo prenderci una pausa dall’eroismo, anche noi subiamo molestie e siamo vittime di disuguaglianza. La società tende a dimenticare i nostri problemi». Una motivazione che non è andata giù ai molti internauti che hanno espresso sul web tutta la loro rabbia nei confronti di una campagna giudicata dai più stupida e discriminante.

Tweet riguardo #DontMancriminate

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso