22 Giugno Giu 2015 1445 22 giugno 2015

Anche l'intestino si adatta

Secondo uno studio del Cnr, l'organo si è evoluto. Riesce a detossificare gli inquinanti ma è anche diventato resistente agli antibiotici.

  • ...
pancia-di-donna

L'intestino umano si è evoluto, adattandosi a inquinanti e antibiotici. Lo conferma uno studio pubblicato su Current Biology al quale ha partecipato anche l'Itb-Cnr di Segrate (Mi). La ricerca ha confrontato le nostre popolazioni intestinali con quelle degli Hadza, ultimi cacciatori-raccoglitori, scoprendo come i microrganismi intestinali siano in grado di supplire alle carenze alimentari, ci proteggano dai derivati del petrolio ma allo stesso tempo rendano meno efficaci gli antibiotici. Clarissa Consolandi dell'Istituto di tecnologie biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche (Itb-Cnr) di Segrate (Mi)  ha spiegato che «quando gli amminoacidi essenziali sono carenti nella dieta, ad esempio, sono proprio loro a fornirceli. Ma lo studio ha portato anche a un'altra scoperta: i batteri intestinali degli italiani sono deputati alla degradazione e detossificazione delle sostanze estranee all'organismo che possono far male alla salute, quali il naftalene, ottenuto dalla raffinazione del petrolio, i benzoati, comuni conservanti alimentari, e gli xileni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso